MONTEROSI – Una capoverdiana di 28 anni residente a Monterosi è stata denunciata dai carabinieri per aver tentato di interrompere la propria gravidanza. Era stato un parente che l’aveva sentita poco prima al telefono ad avvisare i militari riferendo loro che dalla conversazione gli era sembrato che qualcosa nella donna, all’ottavo mese di gravidanza, non andasse per il verso giusto. Raggiunta l’abitazione della ragazza, i militari la coglievano nel corso di un principio di crisi respiratoria e pertanto richiedevano l’intervento di un’ambulanza.

 

Trasportata prima all’ospedale di Civita Castellana e poi al Belcolle di Viterbo dove i sanitari hanno proceduto ad un parto cesareo d’urgenza, scongiurando il peggio. Dai successivi accertamenti è emerso che la donna aveva ingerito un considerevole quantitativo di farmaci. Sia lei che la neonata sono tutt’ora ricoverate.

Commenta con il tuo account Facebook