A seguito di serrate indagini nel settore del contrasto alla pedopornografia online che portavano all’esecuzione di perquisizioni delegate dalla Procura della Repubblica di Roma, personale del Compartimento Polizia Postale del Lazio in collaborazione con la Sezione Polizia Postale di Viterbo e sotto il coordinamento del Centro Nazionale di Contrasto alla Pedopornografia Online CNCPO del Servizio Polizia Postale ha tratto in arresto 3 uomini in flagranza di reato per produzione e detenzione di ingente quantitativo di materiale pedopornografico.

Si tratta, rispettivamente, di un imprenditore romano che scambiava immagini e video della figlia minore per essere ammesso in un gruppo esclusivo pedopornografico, di un 26enne viterbese trovato in possesso di ingente materiale pedopornografico e di un cameramen romano di 32 anni. 

Nello specifico il giovane italiano, incensurato residente in provincia di Viterbo, è stato arrestato in flagranza di reato nell’ambito di un’attività di contrasto internazionale sugli abusi sessuali nei confronti di minori.

Le indagini, che hanno portato al sequestro di diversi dispositivi informatici contenenti numerosi file pedopornografici, sono state avviate dopo una segnalazione nell’ambito della collaborazione internazionale relativa a numerosi episodi di caricamento di materiale pedopornografico su una nota piattaforma di cloud storage. 

Dall’analisi dei flussi informatici gli investigatori della Sezione Polizia Postale di Viterbo sono risaliti al profilo di un utente che deteneva immagini di abusi su minori.

Durante la perquisizione, delegata dall’Autorità giudiziaria a seguito degli accertamenti svolti, sono stati rinvenuti nella disponibilità dell’indagato, per il quale è stata disposta la custodia cautelare in carcere, numerosi file di natura pedopornografica che vedevano coinvolti bambini anche in tenera età.

Per i tre arrestati l’attività di indagine prosegue ora con l’analisi del materiale sequestrato per individuare eventuali ulteriori responsabilità, nonché il possibile coinvolgimento di altri minori.

L’attenzione che la Polizia di Stato pone da sempre nei confronti del fenomeno dello sfruttamento sessuale dei minori online è molto alta, soprattutto in quest’ultimo periodo, in coincidenza con i due anni di pandemia, in cui le statistiche hanno evidenziato un’impennata notevole dei casi trattati.

I procedimenti penali si trovano ancora nella fase delle indagini preliminari ed i soggetti indagati devono ritenersi non colpevoli sino alla condanna definitiva.

Articolo precedenteSi conclude con un nuovo gesto solidale la presidenza Bianchini al Rotaty Club Viterbo
Articolo successivoIl Comune di Bolsena ricorda con una targa Fabiano Tiziano Fagliari Zeni Buchicchio