VITERBO – (M.C.) I tempi cambiano e, con essi, mutano anche gli scenari paesaggistici dei luoghi che ci circondano.

Una legge, questa, a cui non si è potuta sottrarre nemmeno Viterbo, con particolare riferimento ad uno dei suoi scorci più caratteristici.

Stiamo parlando di piazza Verdi (o se preferite del teatro) che questo pomeriggio ha salutato per l’ultima volta uno dei suoi pini ultracentenari.

Un taglio netto, quello effettuato, che ha mutato per sempre lo scenario della piazza, portando via con sé un pezzo di storia della città.

Che ci sia una ragione alla base di questa drammatica scelta appare scontato. Certo è che la risoluta recisione ha fatto tremendamente male a tutti i viterbesi, privati nuovamente di un elemento naturale e fortemente identitario della propria città.

Commenta con il tuo account Facebook