TARQUINIA – Il P.M. di Civitavecchia competente per territorio ha rincarato la dose sul 58enne che il 26 scorso venne fermato dagli agenti del Commissariato di P.S. di Tarquinia perché aveva aggredito la compagna picchiandola e riempiendola di botte.

La malcapitata, una 54enne del luogo, lo rammentiamo ai nostri lettori, picchiata in casa con pugni al volto e minacciata con un coltello, sentitasi in grave pericolo, era scappata e si era indirizzata verso il Commissariato intercettata dagli agenti di sorveglianza mente in comune si svolgeva la giornata contro la violenza sulle donne.

Dopo essere stata tranquillizzata e rassicurata dai poliziotti, la stessa sporgeva formale denuncia nei confronti del marito e subito dopo veniva affidata alle cure dei sanitari del pronto soccorso che la ricoveravano a Viterbo in “protocollo rosa”.

Gli agenti quindi si mettevano alla ricerca dell’uomo che, individuato, venne fermato e portato nei locali del commissariato. Li dopo le formalità di rito venne denunciato e obbligato all’allontanamento d’emergenza dalla casa familiare. Il P.M.di Civitavecchia ha emesso un dispositivo nel quale si evince che l’uomo non può avvicinarsi o circolare a meno di 500 metri dalla casa ove risiede la consorte, ne può pretendere di entrare in casa senza la presenza di agenti di polizia.

E’ stato accusato anche di lesioni aggravate e minacce gravi nei confronti della moglie minacce aggravate dal fatto che sono state messe in atto con in mano un’arma da taglio.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email