7375 persone identificate, 3 persone arrestate, 15 denunciate in stato di libertà,  di cui 2 minori, 418 le pattuglie impegnate in stazione, 7 le contravvenzioni amministrative elevate, di cui 2 al regolamento di Polizia Ferroviaria,. Questo il bilancio dell’attività della Polizia Ferroviaria del Compartimento per il Lazio nella settimana scorsa, in ambito regionale.

Particolare rilievo ha assunto l’operazione “Oro rosso” che, periodicamente disposta dal Servizio Polizia Ferroviaria di Roma, su scala nazionale, si prefigge di contrastare il noto fenomeno dei furti di rame in ambito ferroviario.

Il 31 agosto un cittadino straniero, di 24 anni, è stato arrestato a Roma Tiburtina dagli agenti della Polizia Ferroviaria, per i reati di violenza sessuale e di reati contro il testo unico per l’immigrazione.

Gli agenti sono intervenuti su richiesta del capotreno per una persona che poco prima aveva tentato di baciarla, dopo averla presa di spalle e stretta a sé. Intervenuti , l’hanno bloccato e tratto in arresto.

Un cittadino rumeno di 41 anni è stato arrestato dagli  Agenti del Reparto Polfer di Roma Termini perché colpito da un mandato di arresto europeo. Dagli accertamenti effettuati tramite Interpol, i poliziotti hanno appurato che una sentenza definitiva emessa nel suo Paese di origine lo ha condannato a un anno e otto mesi per i reati di truffa e guida in stato di ebrezza. Condotto nel carcere di Regina Coeli.-

In data 3 settembre, gli Agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polfer  per il Lazio, hanno tratto in arresto uno straniero responsabile del reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Lo stesso  a seguito di un controllo è risultato avere diversi involucri di sostanza stupefacente celati nel proprio abbigliamento, oltre ad una somma di denaro provento dell’attività stessa. La sostanza veniva sottoposta a sequestro e lo straniero arrestato.

Lieto fine dopo tanta paura per due bambine “lasciate in stazione” dai genitori il 5 settembre. I due coniugi non hanno notato l’imminente partenza del treno dalla stazione Termini ed hanno continuato a sistemare i bagagli, proprio mentre il convoglio ha chiuso le porte ed è partito.-

Gli Agenti subito intervenuti hanno rintracciato le due minori di 10 e 8 anni, le hanno rassicurate ed accompagnate negli Uffici della Polizia, dove le hanno confortate con generi di ristoro, mettendole in contatto telefonico con i genitori che dopo qualche ora sono riusciti a tornare dello scalo romano e riabbracciare le loro figlie.