613 persone identificate, 25 controlli effettuati a depositi di materiale ferroso, 100 operatori di Polizia Ferroviaria del Compartimento Polfer per il Lazio impiegati, 24 pattuglie automontate dislocate lungo le tratte ferroviarie nelle zone più sensibili: è questo il bilancio dell’operazione “Oro rosso” che, periodicamente disposta dal Servizio Polizia Ferroviaria di Roma, su scala nazionale, si prefigge di contrastare il noto fenomeno dei furti di rame in ambito ferroviario.

L’attività preventiva permette di scongiurare gli episodi di asportazione del pregiato materiale utilizzato, in ferrovia, per alimentare la circolazione dei treni, evitando pesanti ripercussioni sulla regolarità dei trasporti e disagio al servizio viaggiatori.

Inoltre, un cittadino rumeno di 41 anni è stato arrestato dagli Agenti del Reparto Polfer di Roma Termini perché colpito da un mandato di arresto europeo. Dagli accertamenti effettuati tramite Interpol, i poliziotti hanno appurato che una sentenza definitiva emessa nel suo Paese di origine lo ha condannato a un anno e otto mesi per i reati di truffa e guida in stato di ebbrezza. Condotto nel carcere di Regina Coeli.

Gli Agenti della sottosezione Polfer di Civitavecchia hanno denunciato un trentanovenne gambiano per resistenza, violenza e lesioni a P.U. L’uomo dopo aver rotto una bottiglia di vetro nel piazzale antistante la stazione, i cui frammenti hanno raggiunto dei turisti, ha cercato di evitare il controllo dei poliziotti, opponendo resistenza e procurando loro lesioni.-