VITERBO – Diminuiti sostanzialmente i reati in generale. Furti, danneggiamenti, delitti informatici e violenze sessuali: tutto in calo nel 2017 rispetto al 2016.

Un bilancio positivo che premia l’intensa attività messa in campo nell’anno che sta per concludersi degli uomini della Polizia di Stato della Questura di Viterbo.

Al riguardo è possibile esaminare i dati ufficio per ufficio, per sintetizzare l’opera assicurata per innalzare i livelli di sicurezza nel corso dell’anno dalla Questura di Viterbo.

Sono state più di 1700 le ordinanze emesse dall’Ufficio di Gabinetto a firma del Questore per disciplinare i vari servizi di ordine pubblico.

La Divisione Anticrimine, relativamente alla misure di prevenzione ha emesso 94 Avvisi Orali, 51 Rimpatri al Luogo di Residenza con Foglio di Via Obbligatorio, 7 Sorveglianze Speciali, 5 Divieti di Accesso alle Manifestazioni Sportive, 13 Ammonimenti. Sempre la Divisione Anticrimine nell’ambito dell’attività di repressione per lo smaltimento dei rifiuti ha denunciato all’Autorità Giudiziaria n. 5 persone e ben 27 sanzionate amministrativamente.

La Divisione Polizia Amministrativa e Sociale ha sottoposto a controllo 15 esercizi pubblici, 3 esercizi commerciali del settore alimentare, 4 deputati al commercio di preziosi e 10 sale VLT e scommesse elevando 25 sanzioni.

L’Ufficio Immigrazione ha eseguito 126 espulsioni di cittadini extracomunitari e 33 allontanamenti di comunitari dal territorio nazionale.

37 sono state le persone tratte in arresto dalla Squadra Mobile, di cui 14 per violazione della legge sugli stupefacenti e 152 quelle denunciate all’Autorità Giudiziaria.

La DIGOS nell’ambito dell’attività di competenza ha tratto in arresto 4 soggetti e 13 denunciati.

Incisiva l’attività di controllo del territorio attuata durante il 2017 anche con in concorso del Reparto Prevenzione Crimine Lazio, che ha riguardato il capoluogo e l’intera provincia e che è stata intensificata, nei mesi estivi, nel territorio di Tarquinia e Montalto di Castro.

In tale ambito, lusinghieri i risultati ottenuti dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico con oltre 19.000 veicoli controllati, anche avvalendosi dei sistemi elettronici, 8539 le persone identificate, 16 tratte in arresto e 77 denunciate con 19 provvedimenti amministrativi adottati.

Il Commissariato di Tarquinia non è stato da meno: 6 i soggetti tratti in arresto, 77 quelle denunciate, 7184 quelle identificate a fronte di 12.980 veicoli controllati e 10 i provvedimenti amministrativi adottati.

A questo dobbiamo aggiungerci la capillare opera di comunicazione messa in campo dal personale specializzato della Questura che, in virtù della collaborazione con gli enti locali e con gli istituti scolastici, ha raggiunto nel 2017 vaste zone della provincia, con il coinvolgimento della popolazione di ogni fascia di età, a cominciare dai meno giovani, per prevenire i tentativi di truffe in loro danno e per finire con i ragazzi, nell’ottica della prevenzione contro ogni forma di comportamento prevaricante, come bullismo e cyberbullismo.

Francesco Berni

Commenta con il tuo account Facebook