VITERBO – “Ci ha lasciato una persona che ha veramente amato la Tuscia. Italo Arieti ha da sempre dimostrato l’amore per il suo territorio. Un amore che parte da lontano, quando ancora le tipicità alimentari ed enogastronomiche non erano particolarmente valorizzate.

Mi piace ricordarlo come il precursore di quella passione per i cibi della tradizione locale, di cui oggi si parla molto. In più occasioni ho avuto modo di apprezzare la sua passione e la sua preparazione culturale ed enogastronomica.

In casa ho diverse sue pubblicazioni dedicate a piatti e ricette della Tuscia, comprese quelle con la tipica carota viola viterbese, riscoperta anni fa dallo stesso Arieti.

Il suo attaccamento al nostro territorio lo ha mostrato instancabilmente anche durante gli anni che ha guidato l’allora Ente provinciale del Turismo. Rivolgo le mie più sentite e sincere condoglianze ai familiari di Italo Arieti, in particolar modo al figlio Gian Paolo che conosco personalmente”.

Leonardo Michelini
Sindaco di Viterbo


“Con Italo Arieti se ne va senza dubbio il più grande esperto e divulgatore della tradizione culinaria viterbese, che grazie alla sua opera si è fatta conoscere in tutta Italia e non solo. Una passione se vogliamo anche distante dal suo ambito professionale, visto che Arieti è stato uno stimato pediatra. Una passione frutto di un profondo legame con il territorio, dimostrato anche dai tanti incarichi che ha ricoperto in vari enti. Alla famiglia vanno le mie condoglianze”.

Enrico Panunzi
Presidente Sesta Commissione consiliare Regione Lazio