FABRICA DI ROMA – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Civita Castellana hanno tratto in arresto due soggetti, uno di nazionalità italiana e l’altra norvegese per coltivazione e spaccio di sostanze stupefacenti.

 

In particolare ieri i militari, a seguito di un lungo servizio di osservazione in abiti civili in Fabrica di Roma, hanno notato dei movimenti anomali vicino un casaletto che a prima vista sembrava una casetta di ricovero attrezzi agricoli. I Carabinieri insospettiti, hanno fin da subito identificato i proprietari ed eseguito una perquisizione d’iniziativa trovando all’interno una vera e propria serra idonea alla coltivazione e smercio di marijuana. In particolare sono stati rinvenute 54 piante di marijuana, 70 semi di canapa indica, oltre 200 grammi di marijuana già essiccata, materiale vario per il confezionamento e soprattutto un locale adibito completamente a serra: il locale era completo di teli protettivi, essiccatori, lampade alogene e fertilizzanti.

 

Per i due soggetti sono scattati gli arresti con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio e coltivazione di sostanze stupefacenti.
Dopo quello di qualche settimana fa in Corchiano dove era stata trovata un’altra serra domestica, i Carabinieri di Civita Castellana, continuando incessantemente nell’attività di prevenzione e di controllo del territorio per reprimere i reati in materia di stupefacenti, hanno inferto un altro duro colpo alla criminalità locale dedita a questi reati.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email