VITERBO – La Sezione Polizia Stradale di Viterbo, d’intesa con il Compartimento Polizia Stradale per il “Lazio”, ha da tempo intrapreso una campagna di sensibilizzazione scolastica per quello che concerne la sicurezza stradale, coinvolgendo vari istituti di formazione della provincia di differente ordine e grado.

 

Nella mattinata odierna, a seguito di invito presentato a questo Comando dalla Direzione didattica del plesso scolastico “P.Ruffini” di Valentano ed Ischia di Castro, il Dirigente della Sezione Dr. Porroni, unitamente al Sov. Salta e all’Ass.C. Sciamanna, hanno effettuato due incontri, della durata di circa un’ora e mezzo ciascuno, con gli studenti delle classi III delle Scuole Medie di Valentano ed Ischia di Castro.

 

In maniera coinvolgente e fruibile da parte di un uditorio costituito da ragazzi e ragazze di età compresa tra i 13 ed i 14 anni, gli uomini della Polstrada hanno focalizzato, in modo particolare, la loro attenzione sulle problematiche ed i rischi connessi ad un uso corretto sia dei caschi di protezione che delle cinture di sicurezza. Sono stati, infatti, proiettati filmati predisposti dal Servizio Polizia Stradale, (nell’ambito anche del cosiddetto “Progetto Icaro”, iniziativa che ormai conta diversi anni di brillanti risultati a livello nazionale) che potessero suscitare l’attenzione degli studenti, unitamente a foto e video tratti sia da scene di film famosi, sia da episodi realmente accaduti nella provincia di Viterbo che fossero emblematici di alcuni comportamenti negativi da evitare o positivi da imitare. In tal modo, si è dato vita non alla classica “lezione cattedratica”, ma ad un interscambio di riflessioni e considerazioni che hanno pienamente coinvolto tutti i ragazzi partecipanti. Attraverso una serie di commenti e dialoghi in classe, gli studenti hanno perciò condiviso con i “docenti della strada” tutti quei rischi che loro stessi come giovani corrono trovandosi ad essere fruitori ed utenti della strada, sia nella veste di pedoni-ciclisti, sia in quella prossima ed imminente di ciclomotoristi.

Commenta con il tuo account Facebook