VITERBO – Fogli di Via Obbligatorio, Avvisi Orali, Sorveglianza Speciale e Ammonimenti. Sono queste le misure di prevenzione messe in atto dalla Divisione Anticrimine della Questura di Viterbo per garantire la sicurezza del territorio.

Un risultato lusinghiero, raggiunto grazie all’impegno dei poliziotti della “task force anticrimine”, un’intensa attività che rappresenta il naturale sbocco dell’intensificazione della “pressione” sul territorio da parte della Questura, con il principale obiettivo di arginare ogni tipo di reato.

Tra i principali destinatari delle misure di prevenzione vi è anche un numero rilevante di pregiudicati provenienti da altre province, con significativi trascorsi per la commissione di reati predatori.

I numeri parlano chiaro: nello scorso mese di luglio sono 7 gli Avvisi Orali comminati ad altrettanti pregiudicati; 5 le persone denunciate per reati contro il patrimonio a cui è stata imposta dal Questore la misura di prevenzione di divieto di ritorno nelle località ove sono stati commessi i reati.

Ancora, è stata avanzata una proposta per l’irrogazione della Sorveglianza Speciale della Pubblica Sicurezza nei confronti di un pregiudicato già sottoposto all’Avviso Orale che ha continuato a commettere reati.

Anche sul fronte del contrasto al fenomeno della violenza domestica e di genere, il personale della Divisione Polizia Anticrimine ha richiesto ed ottenuto un provvedimento di ammonimento nei confronti di uno stalker, al fine di tutelare la vittima.

Personale specializzato è dedicato a raccogliere tutti gli esposti che i cittadini della provincia presentano all’autorità di pubblica sicurezza per lamentare situazioni di degrado o di malessere o di pacifica convivenza tra vicini di casa o quant’altro.

La sezione dedicata alla trattazione dei delitti di competenza del giudice di pace, nel periodo in esame, ha denunciato due persone con precedenti specifici, una per truffa on-line ed una per lesioni e minacce nei confronti di un ciclista a seguito di una lite per motivi di circolazione.

Commenta con il tuo account Facebook