Nell’ambito del rafforzamento dei servizi di controllo del territorio disposti dal Questore di Viterbo,  nella serata del 1° giugno scorso  gli uomini della Polizia di Stato della  Squadra Volante  hanno arrestato uno straniero di 28 anni.

Tutto è nato da una segnalazione di furto in atto in un’abitazione del centro cittadino giunta alla Sala Operativa della Questura. Immediatamente sul posto, i poliziotti  riscontravano  la porta semi aperta di un appartamento,  dove all’intervo vi era un uomo con una bottiglia in mano.  Vistosi scoperto, lo stesso si scagliava contro gli agenti,  con pugni e calci, utilizzando anche la bottiglia di vetro,  ma veniva bloccato e immobilizzato.  L’appartamento era stato messo a soqquadro, con il mobilio e le suppellettili fuori posto.  Ricorrendone i presupposti, lo straniero veniva sottoposto a perquisizione personale, all’esito della quale veniva rinvenuto un telefono cellulare  di ingente valore,  denunciato come oggetto di furto. Nei pressi della porta d’ingresso veniva, inoltre recuperato uno zaino,  con all’interno  diversi oggetti asportati dalla casa.

L’uomo, poi condotto in Questura,  continuava  con atteggiamenti oltraggiosi nei confronti degli operatori  cercando ripetutamente lo scontro fisico.

Lo stesso, dopo le formalità di rito,  è stato tratto in arresto per furto, lesioni personali, violenza, minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale, danneggiamento e ricettazione, arresto convalidato  in data odierna  a seguito dell’udienza per direttissima.

Sempre nell’ambito dell’attività di controllo del territorio anche con riferimento alla verifica del rispetto  delle misure anti Covid, inoltre, la Squadra Volante procedeva a sanzionare due persone  che stazionavano su un muretto nei pressi di Piazza del Sacrario noncuranti  dell’ordinanza del Sindaco di Viterbo che  vieta  di  sedersi sul suolo pubblico o ad uso pubblico sulle soglie, sulla pavimentazione, sui muretti, sui gradini posti all’esterno degli edifici pubblici e privati, scolastici ed universitari, dei monumenti e dei luoghi di culto, sugli spazi verdi, sugli arredi urbani.

Prosegue senza sosta l’attività di prevenzione finalizzata a  garantire,  nell’arco delle 24 ore, un capillare  controllo con particolare riferimento al centro cittadino.