Lo scorso fine settimana i controlli interforze disposti nel capoluogo e in provincia dal Questore di Viterbo, con particolare riferimento alle zone di ritrovo della movida, hanno visto all’opera Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale.

Obiettivo dell’attività, che si inquadra nell’ambito di un ampio dispositivo di sicurezza pianificato con ordinanza del Questore, come condiviso in Prefettura in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, il rispetto delle prescrizioni per il contenimento del contagio da Covid 19 e la massima sicurezza nei luoghi di maggiore aggregazione.
La lente d’ingrandimento è stata rivolta in particolare verso quelle zone che rappresentano, soprattutto per i più giovani, punti di aggregazione ed incontro.

Nel corso dei servizi sono stati diversi gli esercizi pubblici controllati e moltissime le persone identificate.

Proprio nell’ambito dell’attività, a Tarquinia, alle ore 23,25 di sabato, personale del Commissariato ha proceduto alla verifica di un veicolo con all’interno tre cittadini rumeni. Gli stranieri sono stati sanzionati perché, al momento del controllo, non hanno fornito adeguati elementi per giustificare il mancato rispetto di quanto previsto dalla normativa anti Covid, per la quale non è possibile spostarsi dalle ore 22,00 alle 05,00 di ogni giorno se non per motivi di lavoro, salute e necessità.

La Polizia di Stato invita la cittadinanza ad osservare rigorosamente quanto previsto dalle Autorità per il contenimento dell’epidemia in atto.