TARQUINIA – Verifiche, pattugliamenti e posti di controllo della Polizia di Stato a Tarquinia. Tutto ciò ha avuto luogo nei giorni scorsi e si inquadra nell’ambito di un ampio dispositivo di sicurezza pianificato alla Questura di Viterbo con, al centro dell’attenzione, la prevenzione di ogni tipo di reato sul litorale.

E’ stata infatti capillare l’attività anticrimine condotta dal personale del Commissariato di Tarquinia, coadiuvato dagli equipaggi specializzati del Reparto Prevenzione Anticrimine giunti appositamente dalla Capitale e dalla Polizia Stradale.

Sono stati controllati più di 1600 autoveicoli, identificati oltre 60 persone ed elevate diverse contravvenzioni per infrazioni al Codice della Strada.

E’ stata inoltre effettuata una specifica attività di verifica ai soggetti sottoposti al regime degli arresti domiciliari.

Nell’ambito dei servizi, come riportato in un comunicato della Polizia, è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Civitavecchia nei confronti di un diciannovenne. Il giovane, già agli arresti domiciliari per aver commesso un grave reato, ha violato le disposizioni imposte dall’Autorità Giudiziaria per chi è sottoposto a tale misura.

Le tempestive segnalazioni inviate all’A.G. dagli uomini del Commissariato hanno determinato l’inasprimento della misura. Il diciannovenne, condotto negli uffici del Commissariato, dopo le formalità di rito è stato associato presso la casa circondariale di Civitavecchia.

I servizi straordinari saranno ripetuti anche nelle prossime settimane durante i quali sarà controllato a tappeto il litorale viterbese in base ad una specifica programmazione, per garantire un continuo e approfondito controllo del territorio nonché prevenire ogni fenomeno che desta allarme sociale .

Commenta con il tuo account Facebook