Nel pomeriggio di ieri, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Viterbo, hanno eseguito un provvedimento di arresto emesso dal G.I.P. del Tribunale di Viterbo, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un cittadino viterbese 33 anni, per precedenti denunce di spaccio di sostanze stupefacenti.

Le indagini condotte dai Carabinieri e coordinate dalla Procura della Repubblica sono iniziate a maggio 2020, allorquando l’uomo alla guida della propria autovettura veniva fermato da una pattuglia del NORM insieme alla fidanzata. Nel corso della perquisizione la coppia veniva trovata in possesso di tre ovuli di sostanza stupefacente di tipo eroina, per un totale di 15 grammi, nascosti negli indumenti intimi della donna, procedendo pure al sequestro di tutto l’occorrente per lo spaccio.
L’attività permetteva di accertare e ricostruire numerose cessioni di eroina nei confronti di svariati assuntori, alcuni di essi provenienti dalle cittadine limitrofe. Lo scambio avveniva direttamente all’interno dell’abitazione della coppia, sita nel quartiere Santa Barbara di Viterbo.
Ed è proprio nella sua abitazione che ieri pomeriggio, durante l’esecuzione del provvedimento cautelare, l’uomo avvalendosi della complicità della donna, alla vista dei Carabinieri e dell’unità cinofila del Nucleo CC. di Roma, ha tentato di occultare tre grammi di sostanza stupefacente di tipo eroina cercando di portarla nel bagno. I carabinieri sono intervenuti proprio nel momento in cui la coppia stava suddividendo le dosi pronte per essere spacciate.