VITERBO – “Siamo particolarmente soddisfatti perché, proprio nella nostra sede nazionale, è stato raggiunto uno storico accordo tra tassisti e noleggiatori con conducente. Una intesa che arriva praticamente alla vigilia della convocazione del sottosegretario Nencini e che potrebbe servire come modello per una nuova organizzazione del settore del trasporto persone. E, magari, contribuire a evitare il blocco previsto per martedì 21”. Lo dichiara CNA Fita.

Due i punti salienti dell’accordo. Si chiede che, nell’arco di un anno, le Regioni, sulla base di parametri economici certi e stabiliti a livello nazionale, decidano il fabbisogno e i contingenti di autorizzazioni per i noleggiatori con conducente e prevedano un sistema certo di sanzioni per quanti risultassero inadempienti.

Le nuove tecnologie e le piattaforme rappresentano uno degli strumenti più efficaci per incrementare la domanda e migliorare l’offerta. E’ necessario, di conseguenza, incentivare, anche attraverso l’impegno di fondi pubblici, la nascita di piattaforme tecnologiche nazionali di proprietà degli operatori, per arginare la presenza sul mercato italiano di multinazionali estere. In questo ambito, nell’intesa si invita, tra l’altro, a prevedere: per l’iscrizione al Registro delle piattaforme tecnologiche, un regime più favorevole e semplificato per quelle gestite dagli operatori del settore; l’obbligo di pagare le tasse nel nostro Paese anche per le piattaforme che hanno sede legale all’estero; il divieto di intermediazione e di conclusione dei contratti con soggetti non titolari di licenze Taxi e/o di autorizzazioni Ncc; la remunerazione di tutti i servizi di intermediazione direttamente da parte del cliente che beneficia del servizio.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email