Uno studio sulla distribuzione del “bonus 600 euro” mostra come la maggior parte della prestazione sia stata erogata ai lavoratori autonomi, seguiti dai lavoratori a tempo determinato in agricoltura. Pochi sussidi invece sono andati ai lavoratori dello spettacolo L’Inps ha…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteCoronavirus, aumentano i contagiati ma diminuiscono le persone assitite
Articolo successivoRegione, domani gli Stati Generali su salute e sicurezza del lavoro