“Poste” è in continua evoluzione. Al momento è possibile interagire con lui in qualità di chatbot e voicebot sui siti poste.it e postepay.it, dai numeri di assistenza finanziaria e dettatura telegrammi e, per alcune funzionalità, su WhatsApp.

A breve “Poste” sarà disponibile anche sulle App e via via su altri canali di Poste Italiane.

Col passare del tempo, inoltre, “Poste” affina e aumenta le sue qualità e le sue competenze fino a coprire via via tutti i prodotti e i servizi offerti da Poste Italiane.

L’Assistenza Digitale “Poste” basa il suo lavoro su tre principi cardine.

Competenza: per assistere i clienti sull’offerta PostePay, sui servizi Bancoposta, sui telegrammi, sul recupero credenziali e, man mano, anche su assicurativi, postali e telecomunicazioni.

Operatività: Il servizio è attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Collaborazione: Umano e digitale insieme. Un servizio che all’operatore affianca il supporto dell’intelligenza artificiale.

 

Uno dei principi fondanti seguiti è dunque l’inclusività: l’intelligenza artificiale sostiene l’uomo nelle gestioni più standard, liberandone il tempo a vantaggio di richieste più complesse, per servire un numero sempre maggiore di clienti. L’uomo a sua volta facilita l’apprendimento e la crescita dell’intelligenza artificiale. L’efficacia di quest’ultima viene dunque esaltata dall’ingegno e dalla sensibilità dell’individuo fino a renderla accogliente ed empatica, oltre che sempre più competente. Costante e impegnativo è quindi il lavoro di training sull’intelligenza artificiale, nell’”officina delle parole di Poste” nata per l’occasione, con l’obiettivo accrescerne il vocabolario, la capacità di riconduzione logica dei concetti e l’innesco di soluzioni, anche a fronte di richieste fatte con le mille sfumature dialettali della lingua italiana.