Samorì: “Guardiamo allo sviluppo del territorio. Apriremo punti vendita a Ischia, Rimini e Modena del gelato servito in coppette bio”

Bagno di folla per l’inaugurazione, sabato 15 ottobre 2022, del nuovo stabilimento e del nuovo punto vendita della società Cimina Dolciaria, in località Vico Matrino, a Capranica.

Cittadini e amministratori locali hanno affollato l’evento, con grande soddisfazione dell’avvocato Gianpiero Samorì, artefice del rilancio dell’azienda dolciaria, del presidente Paolo Oroni, dei consiglieri Maria Giuseppina Rossi, Francesco Virgili, Roberto Maria Lanzalonga e del direttore Gabriele Carloni.

Gli intervenuti, dopo il classico taglio del nastro e la benedizione del sacerdote Don Manuel, hanno potuto visitare il nuovo stabilimento ad alta tecnologia che consente un notevole risparmio energetico e impiega 15 persone.

Tra gli amministratori, oltre al primo cittadino di Capranica Pietro Nocchi, che ha rotto con un martello di legno la tradizionale tavoletta di cioccolato, c’erano il Sindaco di Vejano, Teresa Pasquali; il Sindaco di Morlupo, Ettore Iacomussi e l’assessore Maria Rita Merchetti; il vice Sindaco di Monterosi, Nicola Baldelli; il vice Sindaco di Tessennano, Giorgio Gentilini; il consigliere comunale di Sutri, Felice Casini.

“Sono un imprenditore ma non mi sono mai occupato di impianti di trasformazione del prodotto – ha detto Samorì – nel 2016, su insistenza dell’amico Francesco Virgili, sono venuto a Capranica e ho intuito le potenzialità della fabbrica e ho visto l’entusiasmo dei lavoratori. Abbiamo a cuore l’occupazione – ha proseguito l’avvocato – per questo contiamo nel giro di 3-4 anni di raggiungere un fatturato di 10 milioni di euro e dare lavoro a 40 persone. Giovani che vivano l’azienda e ne siano il punto di forza. Apriremo dei megastore a Ischia, Rimini e Modena, dove vendere le nostre specialità e un prodotto nuovo, un gelato servito con coppetta e cucchiaio bio. Questa azienda – ha concluso Samorì – è una bella realtà per il territorio, costruita con passione e sacrificio, e sono certo che raggiungeremo i risultati che ci siamo prefissi.”

La Cimina Dolciaria lavora la nocciola Tonda Gentile Romana e propone una produzione fatta di creme spalmabili, tavolette assortite di cioccolato, nocciole ricoperte da diverse tipologie di cioccolata e praline, biscotti artigianali, miele, liquori. A Pasqua produce Colombe e Uova al cioccolato di vario tipo e a Natale il classico panettone.

Articolo precedenteSuccesso straordinario per “Sport in piazza” la manifestazione di Coni e Regione Lazio che ha fatto tappa a Vasanello
Articolo successivoEva Robin’s apre la stagione del Teatro Boni di Acquapendente