«Noi lo stiamo urlando da mesi. Non si capisce l’accanimento contro ristoranti, bar, pub e pizzerie, costretti a terminare il servizio alle ore 18. Il sondaggio Emg-Different/Adnkronos evidenzia come anche tantissimi italiani non siano d’accordo con la prosecuzione del  coprifuoco e con la relativa chiusura serale delle attività di somministrazione di cibi e bevande. Chiusura, vale la pena di evidenziare, che non ha alcuna base scientifica. Al contrario, ci sono autorevoli studi che sostengono come la diffusione del virus non avvenga nei luoghi di ristorazione».

Lo ha dichiarato Paolo Bianchini, presidente di MIO Italia, Movimento Imprese Ospitalità, aderente a Federturismo Confindustria.