«Dopo la bocciatura del TAR del ricorso di Assofrutti, la mozione approvata all’unanimità dal consiglio comunale di Civita Castellana che ha come punto fondamentale l’introduzione nel prossimo regolamento comunale di un articolo che affermi il divieto del glifosate, un altro passo avanti.

Con Civita Castellana – afferma Famiano Crucianelli, Presidente del Biodistretto della Via Amerina, – il Biodistretto della Via Amerina e delle Forre arriva al sesto comune che conferma il divieto di questo terribile erbicida per la natura e per l’uomo, e Civita è un comune di grande importanza economica, sociale e culturale dell’intero viterbese.

Un atto concreto di condivisione della scelta del comune di Nepi, che con la sua ordinanza, aveva vietato il glifosate e che per questa ragione aveva dovuto subire la improvvida aggressione di Assofrutti.

Una scelta questa che può valorizzare la qualità della nostra produzione agricola, è un altro passo avanti concreto e non retorico verso la transizione ecologica del nostro sistema».