Massimiliano Chindemi

 

VITERBO – “Buongiorno Ceramica”. Con questo titolo emblematico Civita Castellana saluta una delle arti più rappresentative della sua storia, nonché prossima protagonista di una tre giorni ricca di eventi promossa dall’Associazione Italiana Città della Ceramica e supportata da CNA di Viterbo e Civitavecchia e dal Comune di Civita Castellana.

 

A presentare l’iniziativa, nella splendida cornice del Museo della Ceramica della Tuscia a Viterbo, sono stati Giancarlo Contessa, vicesindaco di Civita Castellana, Alessio Alessandrini, presidente del Consiglio Comunale di Civita Castellana, Luigia Melaragni, segretaria della CNA di Viterbo e Civitavecchia, e Cristina Bugiotti, presidente della Cooperativa Girolamo Fabrizio – Museo della Ceramica della Tuscia.

 

“Pur non facendo parte del circuito del Museo della Ceramica – afferma Bugiotti – la CNA ci ha chiesto di intervenire da esterni a questa splendida iniziativa, che coinvolge ben 36 città italiane. Buongiorno Ceramica è un evento di indiscusso spessore, a cui parteciperanno anche molti artisti che, oltre ad essere protagonisti a Civita Castellana, espongono anche nel nostro museo. Tutto ciò, inutile dirlo, ci riempie di orgoglio”.

 

Ampiamente soddisfatto dell’iniziativa, in programma dal 29 al 31 maggio a Civita Castellana, si dice anche Alessio Alessandrini, Presidente del Consiglio comunale civitonico: “Siamo l’unico Comune rappresentante il Lazio. Con la nostra presenza avremo pertanto la possibilità non solo di mettere in vetrina Civita Castellana, ma anche di sponsorizzare la nostra provincia e le tante realtà in essa esistenti, tra cui il Museo della Ceramica della Tuscia”.

 

“Più ci avviciniamo all’evento – aggiunge Giancarlo Contessa, vicesindaco di Civita Castellana, e più sono entusiasta; così come entusiaste sono le tante realtà che hanno partecipato a questa iniziativa, tra cui il Museo della Ceramica “Casimiro Marcantoni”, l’Istituto Midossi, gli artigiani e la CNA di Viterbo e Civitavecchia, e le Associazioni culturali che operano a livello locale come CiviTONICA, l’associazione Amici del Treja e l’associazione Argilla.

 

Il programma, molto ricco, prenderà il via venerdì 29 (ore 17) presso la Sala Conferenze della Curia vescovile della Diocesi di Civita Castellana, con la presentazione del volume “Luigi Paolelli”, sculture civitonico che ha avuto un’ottima produzione artistica, soprattutto in quel di Salerno. “E’ la prima operazione – specifica il vicesindaco Contessa – che il nostro Comune compie verso un artista locale. Il tutto con la collaborazione di Paolo Strinati, uno dei maggiori storici dell’arte, che ha recensito il volume insieme alla prof.ssa Maria Elena Pifferi. La mattinata vedrà protagonisti anche i bambini delle scuole elementari, che si recheranno presso il laboratorio del ceramista Mastro Cencio per sperimentare la modellazione dell’argilla. Nel contempo, il Liceo artistico Midossi inaugurerà il proprio museo interno. Presso la scuola media, invece, i ragazzi della terza classe saranno protagonisti di una mostra. Sempre venerdì mattina, infine, verrà inaugurato alle 11 lo stemma comunale in ceramica realizzato dai ragazzi del Liceo artistico Midossi”.

 

Sabato e domenica, inoltre, presso il laboratorio artigiano di Mastro Cencio, si svolgeranno performance di artisti locali. Da evidenziare anche l’esposizione di Franco Giorgi presso i suoi locali. A tutto ciò si aggiungeranno iniziative di carattere turistico culturale, con l’associazione Amici del Treja impegnata in escursione incentrate sulle Forre, il centro storico di Civita Castellana”.

 

“Ringraziamo il Comune di Civita Castellana – conclude Luigia Melaragni, segretaria della CNA di Viterbo e Civitavecchia – per aver aderito ad un’iniziativa di livello nazionale tesa alla valorizzazione dell’artigianato d’arte, e per essere entrata nell’associazione Città della Ceramica. Il programma, come vedete, è di grande spessore sia a livello culturale sia a livello turistico. Per quanto concerne la CNA abbiamo cercato di coinvolgere, oltre a Mastro Cencio, anche altri maestri della ceramica operanti sul territorio come Daniela Lai e Paola Ramondini. Ovviamente auspichiamo che tale iniziativa possa avere un grande successo ed essere ripetuta in futuro, con la partecipazione di sempre maggiori realtà del territorio”.

 

whats

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email