VITERBO – “Lo abbiamo ribadito anche a Roma, a Montecitorio: se il parlamento ratificasse il Ceta, i prodotti pontini tutelati da marchi Dop oppure Igp potranno essere emulati, riprodotti da chiunque, abbinati a un marchio fantasioso, ma comunque evocativo…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteCaprarola, torna il Festival “Di Voci e Di Suoni”
Articolo successivoTuscania, tutto pronto per la rassegna di arte e cultura “Moby Dick”