Chi ha detto che per mangiare un gustoso risotto cremoso bisogna andare per forza in un ristorante? Un risotto degno di questo nome può essere ricreato anche in casa, con gli ingredienti che più si apprezzano, senza svolgere procedimenti troppo complessi.

Il risotto è un piatto tipico del Nord Italia, che negli anni si è diffuso in tutta la penisola e anche all’estero, con varianti e tecniche di cottura differenti. La tecnica tradizionale prevede una temperatura costante, l’utilizzo di un brodo fatto in casa e un pizzico di pazienza nel mescolare costantemente il composto durante la cottura.

Ci sono tante ricette differenti che permettono di realizzare mille tipologie di risotto, come il fantastico risottino alla zucca cremoso e irresistibile, che è possibile ricreare utilizzando il burro e altri accorgimenti che elencheremo in questo articolo.

Risotto cremoso: ecco come realizzarlo

Il risotto è un primo perfetto da realizzare per se stessi, per un pranzo o una cena con il partner, in famiglia o con gli amici. Necessita di pochi ingredienti scelti che permettono di realizzare un brodo vegetariano, di carne o di pesce e di effettuare una corretta mantecatura.

Il brodo deve essere aggiunto in fase di cottura, dopo aver tostato il riso, e bisogna mescolare il composto fino a quando non si raggiunge la cottura del riso. L’aggiunta degli ingredienti che rendono il risotto cremoso, si effettua in fase di mantecatura.

Spesso, quando andiamo in un ristorante e assaggiamo un risotto cremoso ci poniamo la classica domanda: “Perché a casa non riesco a farlo uguale?”. Tutti i cuochi hanno dei segreti che rendono i piatti unici e inimitabili, tuttavia, applicando degli accorgimenti speciali è possibile creare un ottimo risotto cremoso anche a casa.

Quale riso scegliere

Per preparare un risotto cremoso è possibile scegliere tra tre varietà di riso: Arborio, Carnaroli o Vialone Nano, tre categorie di riso italiano che garantiscono un’ottima riuscita del piatto.

Il Riso Arborio è di medie dimensioni e i suoi chicchi sono in grado di assorbire il brodo molto bene, per questo motivo è molto utilizzato per la realizzazione dei risotti. Il Vialone Nero, invece, è caratterizzato da chicchi più piccoli con meno amido, tuttavia, è in grado di creare una cremosità unica grazie all’elevata capacità di assorbimento del brodo. In genere, i cuochi utilizzano questo riso per i risotti di pesce.

Il riso Carnaroli è il “Re dei risotti”, molto utilizzato anche all’estero. Si tratta di un riso a chicco grande che permette di realizzare un risotto cremoso e compatto, perfetto da abbinare a carne e verdure.

Come mantecare un risotto nel modo perfetto

La mantecatura è l’ultima fase della preparazione di un risotto cremoso e rappresenta anche una delle fasi più importanti, a cui prestare attenzione per ottenere una buona riuscita del piatto.

A differenza di ciò che si possa pensare, la mantecatura di un risotto deve essere fatta a fuoco spento, dopo aver versato e fatto sfumare il riso. Una volta spenta la fiamma (quando il riso è a dente) è necessario aggiungere il burro e il formaggio, mescolare per bene e lasciarlo riposare.

In questo modo il riso si rapprende per bene e il piatto risulterà compatto al punto giusto. Per renderlo più cremoso è possibile aggiungere piccole dosi di brodo e mescolare di nuovo prima di impiattare.