A Rimini presentate le progettualità della Camera di Commercio di Viterbo per attrarre nuovi flussi turistici e coinvolgere il tessuto imprenditoriale agroalimentare, artigianale e del benessere.

Vetrina d’eccezione per il turismo della Tuscia al TTG Travel Experience, in programma a Rimini dal 9 al 11 ottobre, manifestazione italiana di riferimento per la promozione del turismo mondiale in Italia e per la commercializzazione dell’offerta turistica italiana nel mondo che richiama operatori e key player delle principali aziende settore turistico provenienti da tutto il mondo.

Per l’occasione la Camera di Commercio di Viterbo è stata invitata nell’area della Regione Lazio a presentare le sue nuove progettualità. In primis il progetto “Tuscia Experience”, illustrato dal segretario generale Francesco Monzillo, il quale nella sua relazione “Il turismo esperienziale: storie da vivere insieme nella Tuscia” ha descritto le attività di formazione e di coaching, e presentato in anteprima il video in cui sono protagoniste le imprese agroalimentari e artigianali con le loro offerte.

Inoltre, sempre nel corso della TTG, la dirigente Federica Ghitarrari in rappresentanza del Comitato per la Promozione dell’Imprenditoria femminile dell’Ente camerale nel suo intervento “Le meraviglie della Tuscia al femminile” ha parlato di turismo e wellness nella Tuscia, associando il benessere alla vacanza come motivazione del viaggio. Il punto di partenza è stato ovviamente il territorio con tutto quello che può offrire sul fronte del benessere con le terme come attore principale, per poi a parlare delle numerose eccellenze della Tuscia in tema di cosmetica naturale e innovativa, tra cui le imprese femminili che lavorano la lavanda, l’olio extravergine di oliva e la bava di lumaca.

“Siamo riusciti a presentare il territorio in maniera diversa e accattivante – dichiara Francesco Monzillo – utilizzando prevalentemente i contenuti che le imprese ci danno ogni giorno e ci permette di valorizzare in maniera integrata anche tutto il nostro patrimonio artistico, culturale e naturalistico. Dalle impressioni raccolte in Fiera siamo sempre più convinti che la Tuscia stia assumendo una maggiore notorietà e che le imprese viterbesi sono sempre più pronte ad accogliere turisti e visitatori anche con modalità innovative”.

Nell’ambito degli interventi è stata proposta la degustazione di prodotti tipici delle imprese licenziatarie del Marchio Tuscia Viterbese e partecipanti al progetto di turismo esperienziale Tuscia Experience e la presentazione di prodotti per la cosmesi e il wellness realizzati da imprese femminili.

Queste le imprese della Tuscia rappresentate con i loro prodotti:

Imprese agroalimentare: Frantoio oleario Presciuttini, Il Molino, Frantoio Paolocci, Frantoio Tuscus, oleificio 3c, Petrignanum, Terre di Marfisa, Caseificio Maremma in Tuscia, Il Fiocchino, Fattorie Solidali, Free Lions Brewery, Birrificio Itineris, Panificio Isanti, Pasta Felici, Pasta fanelli, Sapori di Ieri, Apifarm, Biologica Marco Camilli, Salumificio Coccia Sesto.

Imprese cosmesi e wellness femminili: Doppi Sensi, L’Elixir dermocosmetica, Flower’s Week, Podere dell’Arco, Il Molino.