“La destinazione di Viterbo quale sede della nuova Soprintendenza di Viterbo-Rieti e l’Etruria meridionale è un’importante occasione per lo sviluppo del territorio e per il centro storico del capoluogo”. E’ quanto dichiara Vincenzo Peparello, presidente della Confesercenti di Viterbo, a proposito della decisione del MIBAC di istituire una struttura a tutela dei beni ambientali e archeologici dell’Alto Lazio con sede a Viterbo.

“Dopo avere assistito alla soppressione di importanti sedi di enti pubblici e privati – afferma Peparello – quella dell’arrivo a Viterbo di un ufficio a tutela del territorio è una notizia di enorme importanza, soprattutto perché favorisce il dialogo da parte delle associazioni e degli operatori di settore con l’istituzione accorciando i tempi delle eventuali risposti e non obbligandoli ad una trasferta a Roma. Questo è anche valido per istituzioni e privati che avvalgono di bandi regionali, nazionali ed europei per l’utilizzo delle risorse di tali bandi, ma che per la cantierabilità hanno bisogno dei pareri della Soprintendenza dei beni ambientali e archeologici: ma è anche per i dirigenti incaricati dal Ministero per un rapporto più stretto con il territorio e i vari attori pubblici e privati. Accogliamo favorevolmente la proposta di collocare la nuova sede all’interno di Palazzo Giulioli, in piazza della Rocca, a pochi passi dal Museo nazionale archeologico e all’interno del centro storico da tempo sofferente per lo spostamento, al di fuori delle mura cittadina, sia di uffici pubblici che attività private. Come associazione di categoria – conclude il presidente della Confesercenti – siamo ampiamente disponibili per una rinnovata collaborazione con la nuova istituzione al fine di favorire un ulteriore rilancio dei luoghi storici e archeologici della Tuscia e dell’Alto Lazio”