Spesso anche i più giovani hanno la necessità di mettere da parte i propri risparmi per utilizzarli al bisogno. Sicuramente, quella di aprire un conto corrente è l’alternativa migliore per loro. Non solo per i vari vantaggi che hanno quei conti correnti creati appositamente per i giovani, ma anche perché, a differenza di una carta prepagata, il conto corrente ha il grande vantaggio di essere protetto dal Fondo di Tutela Interbancaria dei depositi fino a un massimo di centomila euro in caso di bail-in della banca. Per andare incontro alle esigenze dei giovani, come abbiamo detto, le banche offrono soluzioni pensate proprio per loro, a zero spese o comunque particolarmente economiche. Questi conti sono riservati solitamente alla fascia d’età che va dai 18 ai 35 anni e sono creati per agevolare chi da poco ha iniziato a lavorare o è ancora studente. Il conto corrente è la scelta più giusta anche per quei giovani che, accanto alle normali operazioni bancarie, sono interessati alle varie e utilissime funzioni aggiuntive messe a disposizione dalla banca assieme al conto, ad esempio la domiciliazione delle utenze. Ciò detto, i conti correnti per i giovani sono davvero tanti ed è importante sapere come funzionano e quali sono le loro caratteristiche, come spiegato qui, prima di scegliere quello più adatto alle esigenze personali.

Il conto corrente dei giovani è rigorosamente online!

È quasi scontato ormai che le nuove generazioni, i giovani cresciuti con le tecnologie moderne, scelgano i conti correnti online per mettere da parte i loro risparmi, abituati a una realtà in cui è normale fare le cose al pc comodamente seduti da casa o ovunque attraverso lo smartphone. Per questo motivo, le banche hanno pensato non solo a soluzioni ad hoc per i giovani e per le loro tasche, ma anche alla possibilità per loro di gestire il conto completamente online senza dover andare ogni volta personalmente allo sportello. Le operazioni possono essere fatte tramite homebanking o mobilebanking. Questo, oltre che comodo, è meno dispendioso perché al contrario delle operazioni in banca quelle su internet hanno un costo nettamente inferiore e consentono di risparmiare tempo.

I conti correnti per soli studenti: cosa cambia?

Alcune banche offrono due tipologie diverse di conto corrente per clienti al di sotto dei 30 anni: una destinata ai giovani, l’altra per i soli studenti. In quest’ultimo caso, ovviamente, il requisito fondamentale deve essere l’iscrizione a un corso di studi. Inoltre, ci sono più vincoli per quanto riguarda l’età massima per aprire il conto e il limite entro il quale lo studente può utilizzarlo. Anche i servizi spesso sono specifici, quando si tratta di conti correnti per studenti: finanziamento degli studi, spese per il materiale universitario e così via. Riguardo alla scelta migliore, per gli studenti le caratteristiche da tenere in considerazione sono i costi fissi e quelli delle operazioni, oltre al tasso di interesse e ai vari servizi aggiuntivi che sono inclusi nell’offerta come il libretto degli assegni o l’accredito dello stipendio per gli studenti lavoratori.

Commenta con il tuo account Facebook