il 4 maggio sarà possibile uscire da casa e spostarsi solamente all’interno della regione di residenza, ma le aperture si conteranno con il contagocce. Per dire: è previsto che i negozi al dettaglio possano alzare la saracinesca da metà di maggio, solo dopo toccherà a bar e ristoranti. Insomma, l’ipotesi è che nel giorno più atteso dall’inizio del lockdown queste attività restino ancora ferme ma con la possibilità di eccezioni, come consentire la vendita da asporto per la ristorazione, che si aggiungerebbe alle consegne a domicilio, già permesse. Non sarebbero ancora definite date, ma un’ipotesi sarebbe far riaprire i negozi dall’11 maggio e bar e la ristorazione una settimana dopo (18 Maggio). L’ufficialità, come anticipato dal Premier Giuseppe Conte, arriverà entro la settimana e indicherà nel dettaglio il programma nazionale. Dovrebbe farlo tra venerdì e sabato. Con una specifica, anticipata dal ministro della Salute Roberto Speranza, che durante l’incontro con le Regioni avrebbe spiegato che bisognerà adattare alla evoluzione del livello R0 le scelte sia in termini di nuove aperture che di eventuali ritorni a chiudere.