«Non si possono trattare gli italiani, e quindi i piccoli imprenditori, da servi sciocchi. Il coprifuoco è una aberrazione. Al 131esimo giorno di restrizioni, tale è il 22 aprile, bisognerebbe pensare a responsabilizzare i cittadini, non a proseguire con le limitazioni della libertà. Il Cts non si è affatto espresso per il “tutti a casa alle 22”: è una scelta della sinistra di governo, che, assieme alle altre misure, sta trasformando in un deserto senza vita il nostro tessuto produttivo. Le multinazionali e la malavita organizzata hanno già iniziato a fare shopping, sfregandosi le mani».

«Le alternative per far lavorare il comparto dell’ospitalità a tavola, anche conservando, alleggerendole, alcune limitazioni, ci sono. E sono tante. MIO Italia ha proposto, solo per fare un esempio, di consentire che la ricevuta rilasciata dal ristorante possa essere esibita per tornare a casa la sera».

«Purtroppo, la sinistra che governa questo Paese da quando è iniziata la pandemia – M5S, Pd, Leu e IV – sta continuando a commettere sciocchezze sesquipedali. Per questi partiti gli italiani devono rimanere chiusi in casa, punto. Ma così non si sopravvive».

Lo ha dichiarato Paolo Bianchini, presidente di MIO ItaliaMovimento Imprese Ospitalità.

Articolo precedenteCoronavirus. ASL Viterbo: 37 casi positivi nella giornata di oggi
Articolo successivoMontefiascone, Di Sorte (FI): ‘Il nuovo commissario è Ferri. Angeli al provinciale. Lavoreremo tutti in sinergia, c’è un grande gruppo’