“Dal Mise arriva finalmente un sostegno a chi ha chiuso anche nel 2021 per il Covid: migliaia di attività che, fino ad ora, erano state ingiustamente ignorate. Un intervento assolutamente positivo che riconosce le difficoltà imposte a importanti comparti della nostra economia, dall’intrattenimento agli eventi. Ma servono subito più risorse: i 140 milioni di euro di dotazione iniziale del fondo non possono bastare”. Così la Confesercenti commenta l’attivazione da parte del Ministero per dello Sviluppo Economico del Fondo per il sostegno alle imprese rimaste chiuse a causa dell’emergenza Covid.

“Tra discoteche, palestre, impianti sportivi, cinema, attività di eventi, fiere, cerimoni aggiunge – e le imprese che quest’anno sono costrette all’inattività dalle restrizioni anti-Covid sono moltissime. E gli importi massimi del contributo a fondo perduto – 25mila euro per sale da ballo e discoteche e 12 mila per gli altri – appaiono già insufficienti. Accogliamo dunque positivamente la disponibilità del Ministro Giancarlo Giorgetti a rifinanziare il fondo appena necessario, perché siamo certi che serviranno ulteriori risorse”.