VITERBO – Un’impresa su quattro è rosa. Nella Tuscia viterbese l’universo femminile rappresenta il 26,74 per cento, secondo l’Osservatorio per l’imprenditoria femminile di Unioncamere e InfoCamere, sulla base dei dati del primo trimestre 2015. “Numeri che confermano il contributo essenziale per l’economia di questo territorio”, dice Maria Luisa Appetito (foto), imprenditrice viterbese, vice presidente nazionale di CNA Impresa Donna, vice presidente della CNA di Viterbo e Civitavecchia e componente del Comitato per l’imprenditoria femminile della Camera di Commercio di Viterbo.

 

Secondo l’Osservatorio, sulle 105 province, nei primi tre mesi dell’anno quella di Viterbo si piazza all’11° posto, su scala nazionale, per il tasso di femminilizzazione delle imprese. Il suo 26,74 per cento corrisponde a 9.987 aziende rosa sul totale di 37.346 (lo scorso anno, alla stessa data, erano 9.949, il 26,73 per cento). Vince Benevento con il 30,31 per cento, nel Lazio meglio della Tuscia solo Frosinone con il 28,19. La media italiana è del 21,55, quella del Lazio del 21,72. Guardando invece esclusivamente all’artigianato, su 7.753 imprese, quelle femminili sono 1.121, pari al 14,46%. La media nazionale, in questo caso, è leggermente superiore: 15,72 per cento.

 

“I dati sulla Tuscia – spiega Appetito – confermano l’apporto essenziale che le imprese femminili forniscono all’economia di questo territorio. Le donne, insomma, si dimostrano intraprendenti. E il loro contributo potrebbe crescere”. Per quanto riguarda l’artigianato, non si raggiungono le stesse percentuali, “ma la presenza resta determinante, soprattutto per quanto riguarda i servizi alla persona. Il contributo delle donne è fondamentale anche sei settori artistici, nel tessile e nell’abbigliamento, laddove si esprimono la creatività e lo stile di vita made in Italy”. Questa presenza è in grado di dare ancora molto e più di ora, “quindi da coltivare e valorizzare”.

 

La CNA ci crede: adesso ce l’ha scritto nel proprio Dna. “Prevediamo infatti una presenza significativa di imprenditrici nei nostri organismi nazionali. Siamo la prima associazione di impresa – conclude Appetito – che ha inserito questo principio nel proprio statuto”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email