VITERBO – Coldiretti Viterbo, vista la situazione veramente critica che si sta generando sul territorio, ha inviato una nota a tutti i sindaci dei Comuni della provincia di Viterbo, ai parlamentari e ai consiglieri regionali di riferimento, al fine di rivedere l’intero impianto normativo.

 

L’IMU colpirà pesantemente le imprese agricole; l’elenco ISTAT relativo alla provincia di Viterbo pone disparità sostanziali tra territori non considerando affatto le mutate situazioni reddituali delle categorie catastali. “Un ruolo fondamentale possono svolgerlo i Sindaci venendo incontro, in questa prima fase, attivando la sospensione delle sanzioni per i pagamenti in ritardo e comunque con la riduzione al massimo consentito per l’anno 2015 dell’aliquota IMU prevista per i terreni agricoli” ha sottolineato il Presidente di Coldiretti Viterbo Mauro Pacifici (foto).

 
__________________________________________________________

 

“Caro Sindaco, nell’imminente scadenza del pagamento dell’IMU prevista per domani, 10 febbraio 2015, Ti invitiamo ad adoperarTi affinchè le sanzioni previste per il ritardato pagamento dell’IMU sui terreni agricoli vengano sospese almeno fino alla data del 22 marzo p.v. in attesa della decisione del TAR sui ricorsi presentati dai Comuni.

 

A tal fine le Amministrazioni comunali si possono avvalere oltre che di un articolo dello Statuto del contribuente, dove si dice che le sanzioni non sono comunque irrogate quando la violazione dipende da obiettive condizioni di incertezza sulla portata e sull’ambito di applicazione della norma tributaria, anche da una delibera della giunta comunale che non irroga sanzioni per un periodo di tempo limitato.

 

Abbiamo avviato anche un confronto a livello nazionale con il governo per ridefinire l’intero problema che sta aggravando ancora di più in questo periodo di crisi l’intero mondo agricolo e chiesto ai parlamentari locali di schierarsi al nostro fianco per sollecitare gli organismi competenti.

 

Ti invitiamo infine ad esercitare il potere, stabilito per legge, di ridurre per l’anno 2015 l’aliquota prevista per i terreni agricoli e ciò per agevolare l’imprenditore agricolo che vive della propria attività. Nel restare a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti, inviamo cordiali saluti”.

 

Mauro Pacifici, Presidente Coldiretti Viterbo
Ermanno Mazzetti, direttore Coldiretti Viterbo

 

_____________________________________________________________________________

 

“Caro Onorevole, come sicuramente Ti è noto domani, 10 febbraio 2015 scade il termine per il pagamento dell’IMU sui terreni agricoli. Ti chiediamo di adoperarTi con la dovuta e necessaria urgenza a sollecitare gli organismi competenti affinché si riapra un confronto con il Governo per ridefinire l’intero problema che sta aggravando ancora di più in questo periodo di crisi l’intero mondo agricolo affinchè venga finalmente risolta l’intera questione.

 

In data odierna abbiamo anche richiesto a tutti i Sindaci della nostra provincia di sospendere fino alla data del 22 marzo p.v., le sanzioni per il ritardato pagamento dell’IMU e di ridurre per l’anno 2015 al massimo consentito l’aliquota IMU prevista per i terreni agricoli. Inoltre si chiede di rivedere la classificazione ISTAT che ha visto fortemente penalizzata la ns. provincia creando disparità tra zone limitrofe e non tenendo minimamente conto delle mutate situazioni reddituali delle categorie catastali. Nel restare a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti, inviamo cordiali saluti”.

 

Mauro Pacifici, Presidente Coldiretti Viterbo
Ermanno Mazzetti, direttore Coldiretti Viterbo

Commenta con il tuo account Facebook