VITERBO – Dal latifondo di circa 300 ettari utilizzato in passato come riserva di caccia dei più noti capimafia come Brusca e Provenzano, all’olio extravergine di oliva prodotto nelle aziende che sembrano fare capo al boss mafioso latitante Matteo Messina…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteAcquapendente, la minoranza interviene sull’affidamento degli incarichi professionali
Articolo successivoLavori pubblica illuminazione: via Belluno chiusa al traffico giovedì sera