Al via il bando per la concessione di agevolazioni alle imprese in regime “De Minimis”, l’assessore Corona: «Nel 2021 un tavolo di confronto con le associazioni di categoria e i commercianti per studiare ulteriori aiuti per la ripresa dal Covid»

Nella giornata di oggi l’amministrazione comunale di Montalto di Castro ha approvato l’avviso contenente i criteri per la concessione di agevolazioni alle imprese in regime “De Minimis”.

«Con questa delibera di giunta – commenta l’assessore al commercio Giovanni Corona – chiudiamo l’iter procedurale dando ufficialmente il via all’importante misura che era stata già proposta dalla Consigliera delegata Rita Goddi ed approvata in Consiglio comunale.

Si tratta di un sostegno alle imprese in regime “de minimis” presenti sul territorio comunale e alle start-up con sede operativa e unità locale nel Comune di Montalto di Castro, mediante due differenti tipi di agevolazioni: un Bonus Assunzioni e un contributo in conto capitale per nuove imprese costituite da giovani.

All’interno del bando avranno maggiore punteggio le attività produttive con sede nel centro storico in primis, ed a seguire nelle zone artigianali e nelle restanti parti del territorio comunale.

La volontà è quella di rilanciare l’economia cittadina investendo nel recupero dell’agglomerato storico del paese, oltre ad incentivare la creazione di nuovi posti di lavoro.

Il contributo – spiega Corona – inizialmente pensato per le start up che si erano costituite nell’anno 2019, è stato allargato anche a quelle costituite nel 2018, con lo scopo di dare una spinta maggiore visto il difficile momento che stiamo attraversando».

Il bando, che nelle prossime ore sarà pubblicato sul sito web dell’Ente, prevede la presentazione delle domande di accesso via pec all’indirizzo [email protected] entro venerdì 12 febbraio 2020.

«Siamo inoltre lavorando – conclude l’assessore al commercio – ad una nuova misura che vorremmo fosse indirizzata a dare un aiuto alle imprese fortemente colpite in questo ultimo anno dalla crisi economica susseguente al Covid-19. Per questo, ad inizio 2021 è intendimento dell’amministrazione aprire un tavolo permanente con le associazioni di categoria e le attività commerciali».