Pietro Brigliozzi

 

MONTEFIASCONE – Nella giornata di oggi un nuovo supermercato, Tigre, è stato aperto nel comune di Montefiascone con sede all’inizio della frazione Mosse. Nella settimana scorsa il conosciutissimo supermercato Todis sito in località Fiordini ha chiuso i battenti, oggi, di contro, il Tigre è stato aperto al pubblico dopo un lungo periodo di preparazione e attento allestimento dei prodotti che risultano ben distribuiti lungo il percorso che è consigliato fare dall’ingresso fino alle casse.

 

Un supermercato che viene ad arricchire il settore commerciale generale del comune di Montefiascone che così ne conta ben cinque nel suo territorio, ad eccezione di uno, distribuiti tutti al di fuori del centro storico. Certo, tutti i cittadini prendono atto di questo notevole interesse per i grandi gruppi della distribuzione alimentare e non nel comune di Montefiascone, e corrono, in un momento di crisi, come l’attuale, alla ricerca del miglior offerente, soprattutto per quei prodotti basilari, dei quali, ogni famiglia non ne può fare a meno.

 

L’apertura del nuovo centro commerciale, sicuramente il più moderno sia per la sua struttura sia per la sua concezione commerciale, con un continuo personale rapporto tra gestione e clientela, è supermercato d’avanguardia ove il cliente oltre a trovare agli ottimi prodotti offerti, può avvalersi anche di una consulenza gratuita e efficace al buon acquisto.Il taglio del nastro è stato preceduto dalla sollenne benedizione, tanto per essere nel clima natalizio e nel solco dei valori cristiani, dal sacerdote Mons. Agostino Ballarotto.

 

Sig. Trapé Alcide, direttore commerciale, prima i nostri auguri poi come mai questo nuovo tipo di gestione con l’introduzione della consulenza ai clienti?!
“Oggi il mercato è molto variegato con l’offerta dei prodotti i più disparati, con una miriade di marche che cercano sempre di più, in gara tra loro, a conquistare fette di mercato per cui abbiamo ritenuto opportuno proporre ai nostri clienti ottimi prodotti di marchi affermati, ma anche dare consigli poiché, non sempre ciò che appaga lo sguardo, abbia sempre il miglior sapore. Speso alcuni sapori tradizionali, specialmente delle nostre zone, che sono prettamente agricole, si nascondono in merce che apparentemente può sembrare di seconda qualità, invece no. Per esempio, quelle meluzze piccole, chiamate annurche dai contadini di Montefiascone, dai nostri agricoltori, sono squisite anche se, apparentemente, non hanno quella forma o quei colori di altre mele, più grandi, più reclamizzate, che rubano lo sguardo. Noi abbiamo aperto con le migliori intenzioni soprattutto offrendo cercando di offrire ai nostri cliente prodotti di qualità, prodotti sicuri, prodotti che, per quanto è possibile, siano i più vicini, per sapore e gusto, a quanto si coltivava e si coltiva nel nostro territorio. Chi viene la prima volta da noi, per la bontà che trova, deve ristornare sempre aggiungiamo noi”.

 

Commenta con il tuo account Facebook