La prima fase della vendemmia di questo duemilaventidue, asserisce il presidente della Cantina Sociale, Mario Trapè, è alle spalle e “la siccità / dice Trapé – ha messo a dura prova i vigneti che ne hanno risentito sotto il profilo della quantità, di contro però la qualità è eccellente”.

La prima fase della vendemmia è quella che si fa intorno alla fine di agosto con la raccolta delle uve speciali e peculiari dalle quali la Cantina, in proprio, ricava lo spumante di alta qualità, che si riesce ad esportare anche all’estero.

La quantità di queste uve, coltivate principalmente nella zona della Commenda, a sud di Montefiascone, ove la configurazione geologica del terreno mantiene molto l’umidità ed il sole regna sovrano, è stata di poco inferiore ai cento quintali che daranno circa sessanta quintali di spumante per circa ottomila bottiglie.

Il livello zuccherino che queste uve hanno raggiunto oscilla tra i sedici e diciotto gradi; un ottimo livello che sicuramente assicurerà ai consumatori, buon gustai dell’ottimo spumante Est! EST!! EST!!!.

Sig. Trapè lo spumante, anche per questo anno, è di ottima qualità

Si, nonostante tutto, come già ho affermato, la cattiva stagione ha, parzialmente, inficiato la quantità delle uve, ma non la qualità delle medesime, che risulta eccezionale.  Il settore spumante è nel solco della tradizione; ci auguriamo che anche le uve bianche, che s’inizieranno a raccogliere in questa settimana, ci diano le stesse indicazioni. Alla Cantina, comunque, interessala qualità del vino prodotto per tenere alto il nome dell’EST! EST!! EST!!!. 

Brigliozzi Pietro

Articolo precedenteVino, Battistoni (Mipaaf): “Da OMS attacco sconsiderato al vino italiano”
Articolo successivoGrandissima soddisfazione, orgoglio e tanta umiltà di fronte a tanto talento