Dovete richiedere un finanziamento in banca per l’acquisto della vostra prima casa o semplicemente perché avete bisogno di maggior liquidità per un progetto importante? Questo è sicuramente un ottimo periodo per accendere un mutuo, in quanto i tassi d’interesse hanno raggiunto negli ultimi mesi i minimi storici. Vale dunque la pena approfittarne, ma è sempre importante prestare attenzione perché trovare il finanziamento migliore non è proprio facilissimo. Gli aspetti da considerare sono diversi e oggi li vediamo uno ad uno, in modo da non rischiare di compiere la scelta sbagliata.

Tasso d’interesse

Il tasso d’interesse deve sempre essere considerato quando si valuta la convenienza o meno di un finanziamento, in quanto incide in modo significativo sulla spesa da sostenere per saldare il debito. Viene espresso in percentuale ed in linea generale più la cifra è bassa e maggiore è la convenienza. Vale però la pena effettuare il calcolo della rata del mutuo su Mutui.it, che permette di capire quale sia l’importo da versare sulla base del tasso d’interesse e del capitale richiesto.

Bisogna poi considerare che esistono due tipologie di interessi proposte in genere dalle banche: quello a tasso fisso e quello a tasso variabile. Al giorno d’oggi è maggiormente consigliato optare per il primo in quanto come abbiamo accennato attualmente gli interessi sono particolarmente bassi e dunque convenienti.

TAEG

Un altro fattore da non sottovalutare mai quando si valuta la convenienza di un mutuo è il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale). Spesso si presta attenzione esclusivamente al tasso d’interesse, ma è sbagliato perché a quest’ultimo occorre aggiungere anche le spese di perizia, quelle d’istruttoria e via dicendo. Il TAEG include proprio anche questi costi, oltre agli interessi tradizionali, dunque consente di avere un’idea globale della convenienza del mutuo.

Tempistiche di erogazione del mutuo

Quando si sceglie un finanziamento piuttosto che un altro è altresì importante ricordare che in seguito all’approvazione ufficiale da parte dell’istituto di credito l’erogazione della somma non avviene mai nell’immediato. Sono previste delle tempistiche, che variano sensibilmente in base alla banca e che conviene sempre chiedere espressamente, in modo da potersi organizzare al meglio. Se ad esempio dovete accendere un mutuo per l’acquisto di un immobile, è importante sapere i tempi di erogazione per programmare il rogito.

Importo complessivo del mutuo

Un altro aspetto che naturalmente va ad incidere è l’importo complessivo del mutuo, perché se troppo elevato le probabilità che la richiesta venga respinta si alzano. Potrebbero essere necessarie delle garanzie specifiche per riuscire ad ottenere il finanziamento.

Durata del finanziamento

Infine, un fattore che influenza la convenienza del mutuo è anche la sua durata. Si tratta di un aspetto importante, che deve essere valutato con attenzione in base alle proprie disponibilità economiche, al proprio reddito e via dicendo. Conviene allungare leggermente il finanziamento piuttosto che accorciarlo e dover sostenere delle rate troppo alte. D’altronde, è importante ricordare che nel corso degli anni solitamente si può rinegoziare il mutuo con la banca in modo da ottenere una maggior convenienza o saldare anticipatamente una parte del debito per accorciarne la durata.