«Il mancato adeguamento infrastrutturale della tratta extraurbana, da parte di Atac SpA e della Regione Lazio, secondo le direttive dell’Agenzia Nazionale Sicurezza Ferroviaria (ANSF), subentrata dal 1 Luglio 2019 all’USTIF ai sensi del DL 148/2017, ha comportato lo stravolgimento del servizio ferroviario extraurbano e della vita dei Pendolari.

Infatti, per effetto dei decreti dell’Agenzia, Atac imponeva, da quella data, pesanti restrizioni alla circolazione treni e, contestualmente, cancellava dall’orario 22 treni extraurbani, azzerando, praticamente, il servizio in quella tratta. Successivamente, veniva istituito, a partire dal 15 luglio, attraverso un accordo tra Regione, Rossibus e Cotral SpA, un servizio sostitutivo con autous che, considerato il traffico veicolare e il numero insufficiente di vetture, non riesce a soddisfare le richieste dei Pendolari stessi.

Per tali ragioni, il Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord, facendo proprie le istanze dell’utenza e delle Amministrazioni Locali interessate, preoccupate dalla situazione che si verrà a creare con la riapertura della scuole, chiede alla Regione e all’Atac:

  • Di discutere la proposta dell’orario avanzata dall’Associazione TrasportiAmo, volta a riattivare il servizio ferroviario, sostenibile, secondo i criteri ANSF, e a mitigare l’uso del servizio automobilistico;
  • Di conoscere il cronoprogramma dettagliato dei lavori previsti sulla linea (raddoppio tratto Riano-Morlupo e risistemazione del tratto Montebello- Riano) e dell’acquisto dei nuovi treni;
  • Di sbloccare i cantieri dei parcheggi di scambio (Riano, Montebello) e della nuova stazione dei treni di piazzale Flaminio;
  • Di migliorare la qualità della comunicazione tra la Regione Lazio, l’ATAC e i Comuni interessati.

I Pendolari della RomaNord hanno diritto a un servizio degno di un Paese Civile, con quel che si paga. Soltanto con l’efficientamento della Ferrovia è possibile avere una mobilità confortevole, rapida e sostenibile».

Firma la petizione a supporto delle nostre istanze.  

 

Commenta con il tuo account Facebook