Il Rotary club Viterbo ha partecipato sabato scorso al secondo Forum sull’agricoltura, stavolta in Calabria, a Rossano, organizzato dal Club Rotary Rossano Bisantium, presieduto da Pasquale Catalano, all’Hotel Roscianum, in collaborazione con il Consorzio Mediterrae e del centro della Pace CPSCAE_APS, il Patrocinio del Distretto Rotary 2102 e del Consiglio regionale della Calabria.

All’organizzazione dell’evento hanno aderito tutti i club Rotary da Crotone a Rocca Imperiale, il club Rotary di Viterbo del distretto 2080, i Club Inner Wheel di Corigliano-Rossano e Roma, i Club Lions Arberia e Corigliano Thurium, i Club Fidapa Sezione di Corigliano Calabro e Sezione di Rossano, i Club Kiwanis Corigliano-Rossano Ippodamo da Mileto e Corigliano Calabro.

Una collaborazione sinergica messa in evidenza dal presidente e avvocato Catalano, che ha coinvolto club service e organizzazioni, insieme per parlare di una tematica fondamentale e vitale per l’economia del territorio e la salute del cittadino. Questo progetto diventa così un valido pungolo verso la politica e le istituzioni, specie in un territorio come la Calabria che soffre da anni grandi problemi infrastrutturali.

Obiettivo del convegno è stato mettere in evidenza l’indispensabilità del settore agricolo nella società moderna, dove il settore agroalimentare non può più prescindere dalla ricerca all’impresa, anche e soprattutto con la creazione di nuove Start-Up che favoriscano lo studio, l’impiego, l’utilizzo e la produzione di prodotti agricoli innovativi, in linea con i cambiamenti climatici e le nuove esigenze di mercato, fornendo anche ai giovani un’ottima occasione lavorativa.

E’ stato inoltre trattato un altro aspetto di grande importanza: l’agricoltura biologica nello sviluppo economico e sostenibile nonché la difesa del Made in Italy come necessaria azione di tutela, visto che l’agricoltura, insieme al turismo enogastronomico, è parte fondamentale dell’economia del Paese, argomenti presentati dal presidente del Rotary Club Viterbo, Lamberto Scorzino, anche in veste di segretario nazionale Federitaly, e dal presidente Federitaly Carlo Verdone.

All’evento hanno partecipato, inoltre, il governatore del Distretto Rotary 2102 Gianni Policastri, l’assessore alle politiche agricole, Gianluca Gallo, il Consorzio Meditarrae e Centro della Pace, con il presidente Roberto De Pascalis, il Presidente Nazionale dell’AIC (Associazione Italiana Coltivatori), numerosi illustri relatori, personalità delle istituzioni regionali e nazionali, civili e religiose, nonché del settore economico ed accademico-formativo.

I forum sull’agricoltura proseguiranno nei prossimi mesi a Cagliari e a Viterbo, in marzo, con le più importanti realtà agricole del territorio, per chiudere con l’incontro istituzionale di Roma, in programma a giugno 2023.

Articolo precedenteVillanova, il 10 dicembre l’open day per l’inizio dei corsi di teatro, cinema, regia, e recitazione
Articolo successivoIl colonnello Massimo Friani incontra la popolazione di Corchiano