Interesse e curiosità per i tre cammini presentati dalla destination manager Ivana Pagliara

Successo per la Dmo Francigena e le Vie del Gusto alla Fiera di Rimini, che alla 59esima edizione del Ttg ha presentato i tre cammini che caratterizzano il territorio, ma soprattutto le persone che lungo queste strade operano e condividono saperi e passioni.

La Via Francigena, la Strada dell’Olio, il Sentiero dei Briganti sono state le protagoniste, riscuotendo interesse e suscitando curiosità allo stand riservato in fiera e all’incontro in cui la destination manager Ivana Pagliara ha portato l’attenzione sulla Tuscia.

“Chi viaggia senza incontrare l’altro non viaggia, si sposta – spiega Ivana Pagliara – ho iniziato il mio intervento con la citazione di una grande viaggiatrice della seconda metà dell’Ottocento, Alexandra David Néel, perché dei tre percorsi abbiamo voluto mettere in risalto le persone che operano con la propria attività lungo le strade e ne permettono fruizioni diverse, ma sempre con una lettura profonda dei territori, condividendo saperi e passioni”.

Parte fondamentale dei tre cammini sono le visite guidate teatralizzate, quelle nelle cantine e negli oleifici in compagnia di vignaioli e olivicoltori, le passeggiate a cavallo e in mountain bike con butteri e guide esperte.

“Soprattutto – sottolinea Pagliara – esperienze con gli artigiani che accolgono nelle botteghe. Questa comunità ospitante è anche quella che assicura uno sviluppo sostenibile del territorio, con attività non impattanti, l’uso del biologico in agricoltura e con un’attenzione e una cura per la manutenzione dei sentieri”.

La Dmo La Francigena è la più grande aggregazione turistica della Tuscia, oltre 60 partner tra Comuni, Enti, Imprese, Associazioni e opera in sinergia al servizio del territorio, per la promozione e la valorizzazione del patrimonio territoriale, coordinata tra gli attori pubblici e privati.

I prodotti offerti sono diversi, dalle escursioni nella natura, visite guidate, workshop presso botteghe artigiane ed aziende agricole, alle esperienze gastronomiche, cooking class, bike tours, visite teatralizzate, soggiorni in Hotel, BB, agriturismi.

Una idea molto apprezzata è il Paniere del Pellegrino, frutto della collaborazione tra la Dmo e il Politecnico di Milano, con gli studenti che hanno avuto la possibilità di confrontarsi con la progettazione di prodotti e sistemi per la valorizzazione del territorio e del turismo. Packaging, memorabilia e gadget che possano contribuire a rendere unica e desiderabile un’esperienza turistica multidimensionale.

Articolo precedenteAcquapendente, Insieme per Cambiare: “L’Ecocompattatore non è una idea della Maggioranza”
Articolo successivoL’Aviazione dell’Esercito in supporto all’AVIS di Viterbo nella donazione di sangue