Sono diversi i motivi che portano sempre più persone a trascorrere parte del proprio tempo libero immerse in scenari naturali, dedicandosi a passeggiate tra prati e boschi, colline e montagne. L’ambiente boschivo è ideale per chi desidera rilassarsi o meditare, grazie alla luce dolce che filtra tra i rami degli alberi e ai rumori attutiti dalle chiome. Anche le essenze balsamiche rilasciate dalla resina dei sempreverdi sono in grado di influire in modo positivo sullo stress. Sfruttare la stagione autunnale per qualche giorno di vacanza alla scoperta della Tuscia permetterà di godere di paesaggi meravigliosi e un’atmosfera unica.

Scegliere l’attrezzatura e l’abbigliamento adatti
Ma come godersi al meglio la natura, in una stagione durante la quale le condizioni atmosferiche non sono sempre favorevoli?
Le persone che hanno già una minima esperienza nel trekking sono perfettamente consapevoli dell’importanza rivestita dall’abbigliamento e dagli accessori. La soluzione migliore, in questo ambito, consiste nel vestirsi “a cipolla”, ossia indossare una serie di strati di capi d’abbigliamento non troppo pesanti l’uno sull’altro. Così facendo, al variare delle condizioni atmosferiche e al mutare della temperatura, è possibile eliminare uno strato e riporlo nello zaino. Per quanto riguarda quest’ultimo, meglio optare per un modello con schienale ad arco e munito di bretelle larghe. La presenza di agganci anteriori, all’altezza della vita e del petto, aiutano a distribuire il peso in modo omogeneo e di non sovraccaricare le spalle e la schiena.

Specialmente nei mesi autunnali è indispensabile portare con sé una mantella, le cui dimensioni dovranno essere tali da garantire anche la copertura dello zaino. Dovendo affrontare dei sentieri boschivi, la soluzione migliore sono degli scarponi da trekking morbidi e leggeri; un modello alto proteggerà adeguatamente le caviglie. Prima dell’acquisto bisognerà però accertarsi che la suola sia in grado di assicurare un buon grip anche su terreni umidi o accidentati. Per quanto riguarda il ricambio, mai dimenticare un paio di calzini e una maglietta. Inoltre non dovranno mai mancare una borraccia d’acqua, un berretto di lana, una torcia (o, in alternativa, una lampada frontale), un coltellino, un binocolo e una macchina fotografica. Se desiderate procurarvi tutto il necessario in modo semplice e veloce, potrete affidarvi a Planet Sports, una piattaforma online fornitissima di articoli sportivi. Dalla vasta selezione di cappelli New Era fino alle felpe e ai giacconi Wemoto, non avrete difficoltà a trovare il capo adatto.

Autunno in Tuscia: cosa visitare
È l’autunno la stagione migliore per visitare la Tuscia, che regala colori e paesaggi di stupefacente bellezza e consente di immergersi anima e corpo nella natura. È qui che boschi e laghi sono pronti ad accogliere gli appassionati di escursioni e, perché no, gli amanti dei prodotti genuini. Castagne, funghi, nocciole, vini e olio sono i prodotti tipici locali, perfetti anche per ritemprarsi dopo ore trascorse a passeggiare tra le bellezze naturalistiche.
I Monti Cimini sono una meta imprescindibile. I numerosi itinerari tracciati dal Cai comprendono percorsi che partono dalla Faggeta di Soriano fino a raggiungere le sponde del Lago di Vico. Quest’ultimo dispone di una riserva naturale che permette di ammirare, tra le altre, alcune specie protette di uccelli migratori.

In realtà, scegliere questa zona come meta per una vacanza all’insegna del relax non significa solo godere delle meraviglie offerte da Madre Natura. Tra una passeggiata e l’altra è possibile concedersi qualche ora per esplorare uno dei piccoli borghi presenti in zona. Da tenere a mente anche Barbarano Romano, Civita di Bagnoregio e Calcata. Infine, chi sceglie di visitare Calcata e le zone circostanti, non si perda il circostante Parco Naturale Valle del Treja.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email