VITERBO – Hanno partecipato tra gli altri Carlo Hausmann assessore regionale all’agricoltura e Paolo Gentilini presidente dell’omonima fabbrica di biscotti al 7° colloquio, questa volta sull’industria agroalimentare, organizzato dal DIBAF in collaborazione con l’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Viterbo e dall’Ordine dei Tecnologi Alimentari di Viterbo.

“Prospettive occupazionali nell’industria agroalimentare” questo il tema in discussione presentato dal rettore Ruggieri, dallo stesso Hausmann e da Scarascia Mugnozza direttore del DIBAF ( Dipartimento per l’innovazione nei sistemi biologici, agroalimentari e forestali). Numerosi i relatori che hanno esposto i temi relativi a: ricerca agroalimentare e ricadute occupazionali, innovazione nei prodotti dolciari da forno: l’esperienza di Gentilini e competenze richieste; l’esperienza di Birra Peroni e competenze richieste; innovazione nei prodotti di salumeria: l’esperienza di C. Fiorucci e competenze richieste; innovazione nei Frozen Foods: esperienza di Findus ed opportunità professionali in ambito multinazionale.

L’obiettivo dell’incontro era quello di presentare le prospettive occupazionali nell’industria agroalimentare agli studenti dei corsi di laurea in Tecnologie alimentari ed enologiche (TAE), di laurea magistrale in Sicurezza e qualità agroalimentare (SIQUAL) dell’Università della Tuscia e del corso di laurea magistrale interateneo Tuscia-La Sapienza in Scienze e tecnologiele alimentari. A tal fine, sono stati invitati i rappresentanti delle maggiori industrie alimentari del Lazio: Biscotti Gentilini, Birra Peroni, Fiorucci e Findus.

Il Dott. Daniele Rossi, delegato alla ricerca ed innovazione di Confagricoltura ed ex-Direttore di Federalimentare ed ora Presidente del Comitato Ricerca ed Innovazione dell’UE – Copa Cogeca, ha indicato che le assunzioni di tecnologi alimentari ammontano a circa 1000 unità/anno a fronte di una occupazione nell’industria alimentare italiana di 385.000 unità.

f5-direttore-dibf-e-tiscia-ord-tecnologi-alimentariFrancesco Berni

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email