Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) di Civitavecchia – Sezione Operativa Territoriale di Viterbo, a seguito di una complessa attività che si è sviluppata con la cooperazione amministrativa di organi collaterali comunitari, hanno scoperto un’evasione di IVA per circa 500 mila euro realizzata da una società che provvedeva alla compravendita di autovetture.

Dalle attività di indagine è emerso che l’azienda, con sede nella provincia di Viterbo, negli anni 2016 e 2017, pur avendo effettuato acquisti intracomunitari ha omesso la registrazione, negli appositi registri contabili, della documentazione fiscale.

L’autore delle violazioni, facendo ricorso a varie società figuranti quali acquirenti di automobili, attraverso passaggi fittizi di proprietà ovvero tramite intestazione diretta della documentazione commerciale comunitaria agli acquirenti finali, immetteva sul mercato nazionale autovetture, provenienti dal territorio dell’Unione Europea in totale evasione della relativa IVA.

Il rappresentante della società, irreperibile all’Amministrazione finanziaria, è stato denunciato alla competente Procura della Repubblica.