Sentiamo spesso parlare, da diversi anni a questa parte, di cannabis light legale. Per capire meglio di cosa si tratta, ricordiamo che non ha nulla a che fare con la cannabis terapeutica. Si tratta, per la precisione, della canapa selezionata in modo da avere un contenuto di THC molto basso, non superiore allo 0,2% (il legislatore, consapevole delle difficoltà che i produttori hanno nel mantenere questa soglia, ha alzato il limite di tolleranza fino allo 0,6%).

La cannabis legale appena descritta fa parte delle nostre vite dal gennaio 2017, ossia da quando è entrata in vigore la Legge 242/2016. Da allora – per dovere di precisione, è bene specificare che il testo normativo appena citato necessita di migliorie più volte invocate – si parla di canapa non solo associando il nome della pianta a prodotti come le infiorescenze, ma anche ragionando di cosmetici.

L’utilizzo della specie sopra citata per realizzare prodotti legati a questo ambito è autorizzato dalla Legge 242 e, sulla scia del trend del naturale e del biologico che impazza già da diversi anni, i numeri delle vendite sono a dir poco interessanti. A questo punto, è naturale chiedersi quali siano i vantaggi della cannabis per la bellezza. Scopriamolo nelle prossime righe!

CBD: perché è un alleato naturale della beauty routine

Come mai il CBD è un alleato speciale della beauty routine? Questo principio attivo della cannabis, conosciuto anche come cannabidiolo, ha diverse proprietà degne di nota. Al centro dell’attenzione scientifica ormai da tempo, interagisce con i recettori CB1 e CB2 del sistema endocannabinoide.

Questo permette di apprezzare diversi vantaggi. Tra i tanti, rientra anche un importante effetto antinfiammatorio. Entrando nel vivo di questo aspetto, facciamo presente che si tratta di una proprietà che può cambiare notevolmente la vita di chi soffre di problematiche cutanee quali l’acne.

Questa condizione – che può richiedere per la risoluzione completa anche il ricorso ai farmaci motivo per cui è sempre bene consultarsi con il proprio dermatologo di fiducia – provoca quasi sempre un forte disagio anche a livello psicologico. Il CBD, con i suoi effetti seboregolatori, può aiutare a ovviare a questa situazione fastidiosa.

Come non citare poi l’efficacia anti age del cannabidiolo? Il CBD è portentoso quando si parla di contrasto dell’azione dei radicali liberi, i principali responsabile del naturale invecchiamento cutaneo.

Nello specifico, i numerosi studi grazie ai quali sono state approfondite le sue proprietà hanno “fotografato” la sua capacità di favorire la sintesi del collagene, proteina fondamentale per la compattezza della pelle. Secondo alcune testimonianze scientifiche, il CBD avrebbe una potenza anti età superiore a quella, notevole, della vitamina C e della vitamina E.

Come scegliere i cosmetici alla cannabis

Non ci sono criteri particolari per scegliere i cosmetici alla cannabis. Il motivo? Si tratta di una filiera dove la qualità domina. Tutti i prodotti di questo tipo che si possono trovare sugli hemp shop online o entrando in un punto vendita su strada, sono infatti caratterizzati da ingredienti frutto di agricoltura biologica. Quando si punta a una beauty routine 100% naturale, con la cannabis light si va sul sicuro!

Per trovare un aspetto differenziante, è possibile focalizzarsi sugli altri ingredienti oltre alla pianta a cui stiamo dedicando queste righe. L’elenco in questione è lunghissimo e comprende, tra le varie opzioni, il burro di karitè e l’olio di rosa mosqueta.

Da non dimenticare è anche la possibilità di trovare, nel medesimo e-commerce, anche altri prodotti oggi molto apprezzati, ossia i rimedi naturali per i nostri amici animali (cani e gatti nello specifico). Forse non tutti sanno che il CBD è portentoso anche per il loro benessere e aiuta contro diverse problematiche sia fisiche, sia di natura psicologica (p.e. la sindrome abbandonica).