«Sapevamo che questo momento prima o poi sarebbe giunto e infine è arrivato: con la nota entrata in vigore, dal 1 luglio 2019,  del regolamento dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie – ANSF anche per la nostra tratta, finora sotto la normativa emanata dall’Ufficio speciale trasporti a impianti fissi – USTIF (sotto le direttive del Ministero dei Trasporti – MIT) , saranno introdotte nuove limitazioni alla circolazione dei treni. Questo è dovuto al fatto che ANSF prevede come prescrizione di sicurezza un sistema simile al Sistema di Controllo Marcia Treno – SCMT come ben specificato in un decreto 1 del 2019 che potete scaricare qua e soprattutto nelle importanti norme tecniche (soprattutto l’Allegato 4 delle norme) emanate a seguito del decreto, che certificano di fatto, una riduzione forte del servizio extraurbano». Così si legge sul sito del Comitato Pendolari Roma Nord.

«Per questo – prosegue il Comitato – ATAC ha emanato una direttiva interna che da le seguenti indicazioni, per la parte extraurbana:

  1. La velocità massima della linea consentita è 50 km/h, salvo eventuali limitazioni più restrittive di velocità notificate secondo le modalità regolamentari in vigore.
  2. Su tutti gli attraversamenti è imposta la battuta d’arresto, pertanto tutti i treni prima di impegnare gli stessi devono arrestarsi e l’agente di condotta (macchinista-capotreno) può riprendere la marcia dopo essersi accertato del relativo stato di libertà e dell’assenza dei transiti sugli stessi.
  3. Su tutti i deviatoi di linea non comandati da ACEI è imposta la battuta d’arresto, pertanto tutti i treni prima di impegnare tali enti devono arrestarsi e l’agente di condotta può riprendere la marcia dopo essersi accertato del corretto posizionamento degli stessi.

Sulla tratta urbana da Montebello a Roma Flaminio la dotazione di sicurezza soddisfa i criteri richiesti e non ci saranno blocchi del servizio, mentre sulla tratta extraurbana, tra Montebello e Viterbo, già fortemente penalizzata da riduzioni costanti di servizio, la dotazione di sicurezza è rappresentata dal Blocco (giunto) Telefonico, che come “tecnologia” è abbastanza datata (degli anni 50!) e che ANSF fa utilizzare solo con le premesse 1,2,3 di cui sopra.

Dal 1 luglio assisteremo a rallentamenti e soppressioni in tratta extraurbana, tali da far temere il blocco del servizio, e questo non dipende da chi porta il treno (ricordiamolo!!), che deve rispettare ordini imposti dai dirigenti di esercizio.

E qua veniamo alla nota dolente: sono quasi due anni che si sa questa cosa, maturata subito dopo la tragedia ferroviaria di Andria e Corato e nessuno ha fatto nulla per prevenire. La Regione Lazio si trascina con le aggiudicazioni della gara per il raddoppio tra Riano e Morlupo da ormai 7 mesi e attualmente il contratto con le aziende aggiudicatarie dei due lotti non è ancora stato firmato. Ricordiamo che per fare il progetto esecutivo le ditte hanno a disposizione altri 3 anni. L’acquisto dei nuovi treni non è ancora perfezionato, ma se dovesse essere firmato oggi, questi nuovi mezzi non arriverebbero prima della fine del 2021. Atac dal canto suo, essendo praticamente a “fine mandato” (ha avuto dalla regione un ulteriore rinnovo di 18 mesi mascherato da nuovo contratto, quindi dal 1 luglio 2019 al 31 dicembre 2020) in quanto la Regione sta predisponendo (??) la nuova gara per l’affidamento del servizio, fa quello che può, con i mezzi che ha, molto pochi per la verità.

Da lunedi 1 luglio l’orario in vigore sarà questo: sono state ridotte corse urbane, extraurbane e soppresse le navette sostitutive del treno, ma il problema sarà proprio l’entrata in vigore del nuovo regolamento.

Prevediamo quindi una apocalisse di soppressioni in tratta extraurbana e quelle poche corse effettuate saranno lentissime…al limite dello sfinimento per il povero e (sempre più) martoriato pendolare della romanord. Si potrà prendere il treno forse solo di domenica, quando ci saranno meno corse e meno utenti, e questo è veramente PARADOSSALE.

La conseguenza sarà l’abbandono della linea per salire sulle automobili private per spostarsi a roma, con la chiusura di fatto dell’extraurbano…ma forse qualcuno vuole proprio questo?

Noi resteremo sempre vigili e segnaleremo, dateci una mano pendolari a non far chiudere la ferrovia: sarà un dramma per tutti!

Sollecitate i vostri sindaci, assessori e vicini a prendere coscienza del problema e a farsi promotori di una forte azione sociale per evitare il peggio. Noi faremo altrettanto, ma dobbiamo essere uniti….soprattutto in questo momento».

Commenta con il tuo account Facebook