Sono appena due giorni che il rombo dei trattori, con a seguito i loro rimorchi carichi delle pregiate uve, che si coltivano nelle ottime campagne per la viticoltura, del contado di Montefiascone.

Ffanno sentire la loro presenza sulle strade cittadine, in quanto siamo all’inizio della vendemmia e cominciano ad essere consegnate le uve nella locale Cantina Sociale del presidente P. Carletti, nella quale si produce il conosciutissimo vino in tutto il mondo EST! EST!! EST!!!.

Le uve ad essere consegnate in questi giorni sono quelle rosse, poi, dal venti corrente mese in poi, verranno consegnate ed accolte anche quelle bianche: tuttavia vi è un ‘eccezione. In questi giorni si consegnano anche le pregiate uve bianche, trebiano, roscetto e malvasia toscana che costituiscono il prodotto base per realizzare il prestigioso spuntante secco EST!| EST!! EST!!!, uno dei migliori sul mercato, molto giovane quindi ancora poco conosciuto.

Queste uve sono coltivate nella zona di Paternocchio, una delle migliori per la sua posizione geografica in quanto, su una collina, ben esposta al sole, riparata dai freddi venti di tramontana.

Queste uve bianche, che devono avere un grado zuccherino intorno ai sedici gradi, sono alla prima raccolta e si scelgono i grappoli migliori di seconda fila mentre si lasciano maturare gli altri. Più in avanti, con la migliore maturazione, si fa la seconda raccolta che va a costituire il suddetto spumante nella sua integrità. Questa prassi di raccolta rientra in quella grande tecnologia di vinificazione moderna meglio conosciuta come Progetto di Qualità.

Le uve rosse, che si consegnano in questi giorni, sono soprattutto la qualità merlot, che quest’anno, ha una gradazione abbastanza buona intorno ai venti/ventuno gradi zuccherini, mentre, le rosse comuni, hanno una gradazione inferiore, comunque soddisfacente, intorno ai diciassette.

Enologo Andrea Radicchio, quali caratteristiche delle uve si prevedono per questa vendemmia duemiladiciotto?
Siamo ai primi giorni, è presto per dirlo, tuttavia, per l’esperienza ed il lavoro svolto sui campi, nel periodo della coltivazione delle viti, e, per come si maturate le uve, nelle condizioni climatiche della stagione, si prevede un’annata positiva in tutti i sensi.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email