Tra la giornata di giovedì e quella di venerdì una maggiore ondulazione del flusso atlantico dovrebbe portare una rapida perturbazione sul Mediterraneo Centrale con un peggioramento delle condizioni meteo anche in Italia.

Si tratterebbe comunque di una rapida fase di maltempo con fenomeni più intensi sul Nord Est e sul medio e basso Adriatico; la neve cadrà a quote medio-basse sulle Alpi e sull’Appennino centro settentrionale. Nella terza decade di febbraio l’inverno potrebbe fare la sua comparsa: sembra infatti che masse di aria artica potrebbero raggiungere il Mediterraneo. L’enorme serbatoio di aria molto fredda dovrà essere smaltito e questo determinerà condizioni invernali con freddo e neve fino a tarda primavera su alcuni paesi dell’emisfero Nord; poi ci sarà chi sperimenterà una vera e propria estate anticipata.