Il campione della contrada Sant’Angelo stravince l’anello d’argento con una prestazione da record

Quattro per quattro. Matteo Lalli conquista il quarto Palio di sant’Egidio della sua carriera e lo fa con una prestazione che demolisce qualsiasi piccolo dubbio rimasto sulle sue capacità.
Con quattro centri sui cinque tiri a disposizione, il campione della contrada Sant’Angelo si è ripreso d’autorità l’anello d’argento che nel 2017 aveva lasciato a Marco Deci di San Sebastiano.

Questa straordinaria performance, che ha strappato numerose standing ovation del pubblico di Orte e degli altri arcieri già a gara in corso, ha permesso a Lalli di eguagliare il record fissato nel 2002 da Martino Fani, anch’egli arciere di Sant’Angelo, che aveva trionfato con quattro centri.

Una gara velocissima, dunque. Lalli è stato uno dei primi a salire sul palco e ha lasciato ben poco spazio agli avversari, partiti agguerriti ma rimasti impietriti davanti a una prova di forza simile. Poco dopo le 18 si era già ai festeggiamenti, con la contrada Sant’Angelo in mezzo alla piazza a celebrare il dodicesimo anello della sua storia.

Dal 2012 a oggi, Lalli ha mantenuto l’impressionante media di una vittoria ogni due edizioni del Palio. Per lui, vista anche la giovane età (appena 31 anni), si aprono concretamente le possibilità di fissare nuovi record: ormai è a una sola vittoria di distacco da Sergio Madreperli e Alfredo Bonifazi, che condividono il primato del maggior numero di affermazioni a piazza della Libertà, con cinque successi.

Per gli avversari, come detto, non c’è stato molto altro da fare, se non riconoscere pubblicamente la bravura di quello che è di gran lunga il miglior arciere dell’era contemporanea del Palio di Orte.

Anche se non è stata combattuta come al solito, la gara di piazza della Libertà ha comunque regalato spettacolo ed emozioni fortissime. A cominciare dal corteo, sempre affascinante con la sua lunghissima sfilata di abiti storici fedelmente riprodotti, passando per la prestazione da record di Lalli e per concludere con lo spettacolo degli Sbandieratori, che di consueto mette fine ai festeggiamenti dell’Ottava di sant’Egidio e dà appuntamento all’anno prossimo.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email