FABRICA DI ROMA – Il Real Fabrica di Roma C5 femminile ha conquistato la prima, storica, vittoria stagionale.

Le ragazze del duo Ripani-Pacelli, infatti, si sono imposte per 1-3 contro la formazione del capoluogo di provincia; regalando un sorriso ai tanti sostenitori di questa meravigliosa realtà.

Tre punti che assumono i connotati di un duro schiaffo morale a tutte quelle persone che, costantemente, si ostinano a sminuire il futsal femminile; non tanto per l’importanza della vittoria in sé, quanto per il piacere di vedere tingere di rosa la bandiera di una società che è orgogliosa di dare il suo contribuito alla lotta per la parità dei diritti tra uomini e donne. Ai nostri microfoni è intervenuta Martina Moschettini.

Buonasera Martina, un commento sulla vittoria arrivata nello scorso turno?

Quella contro l’Asd Viterbo è stata una vittoria meritata, anche se combattuta. Abbiamo affrontato una squadra che gioca insieme da tempo. Per noi questa prima vittoria è stata fondamentale, ci ha dato fiducia, ed è importante per una squadra nata da poco.

Come ti stai trovando nell’ambente Real?

Mi trovo bene. Stiamo dando seguito a quanto di buono abbiamo fatto ad inizio anno. Grazie all’inserimento di nuove ragazze abbiamo potuto iniziare il campionato.
Dobbiamo continuare a lavorare in questo modo per provare a regalare una soddisfazione alla società.

Qual è il tuo giudizio sul lavoro dei tecnici e della dirigenza?

Credo che lavorare con un gruppo di ragazze non sia facile; Mister Pacelli e Mister Ripani stanno dando il massimo, cercando di tirare fuori il meglio da tutte noi, sostenendoci ed aiutandoci in ogni allenamento ed in ogni partita. La società è molto seria; un grazie particolare va al presidente Roberto Rossi, il primo a credere in noi ed a darci la possibilità di far parte del Real Fabrica.

Quanto può dare il calcio a 5 femminile al movimento del futsal?

Tantissimo. È importante equiparare il movimento maschile a quello femminile.

Cosa provi quando sei in campo con la maglia biancazzurra?

Quando entro in campo con la maglia del Real Fabrica provo una grande emozione. Sento molta fiducia, cerco di dare sempre il massimo anche per le mie compagne. Siamo un gruppo molto unito. In casa c’è sempre un pizzico in più di emozione. L’adrenalina inizia nel momento in cui parte il nostro inno,”a mano mano”, a cui mi sono affezionata.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email