Gli agenti Fanano e Masotti incontrano gli alunni della scuola secondaria di Gallese nell’ambito del progetto “Train to be cool”

Scuole medie (le chiameremo così per brevità), Scuole superiori, Università: ecco che, in questo crescendo scolastico, i nostri alunni diventeranno, tra le altre cose, anche utenti delle stazioni ferroviarie, luoghi tanto indispensabili quanto potenzialmente pericolosi, soprattutto se si trascurano alcuni accorgimenti in grado di farci vivere in sicurezza questi spazi.

Proprio questo – scrive Gabriele Campioni, docente della Scuola secondaria di primo grado di Gallese, – è il tema del progetto “Train to be cool”, voluto dal Ministero dell’interno – Settore Polizia Ferroviaria, nel seno del quale, lo scorso 6 dicembre, si è svolto un incontro fra gli alunni della Scuola Secondaria di Gallese e gli ispettori superiori  Fanano e Masotti, rispettivamente Comandante e Vicecomandante della Polizia Ferroviaria in servizio presso la Stazione di Orte. Grazie alla competenza e alla capacità di attirare l’attenzione dei due agenti, i ragazzi hanno appreso come difendersi dai pericoli derivanti dal comportamento criminale degli altri e dagli atteggiamenti irresponsabili di sé stessi. Se nel primo caso sono a rischio il nostro portafogli e i nostri beni, nel secondo invece potremmo perdere la nostra salute, se non la vita stessa. Salire su un treno già in movimento, attraversare i binari senza usare il sottopassaggio, essere distratti dal cellulare o, peggio ancora, farsi riprendere dagli amici mentre si evita all’ultimo istante il treno che sta sopraggiungendo ad alta velocità sono leggerezze che potrebbero avere un costo molto alto: la propria vita.

L’auspicio è che lodevoli iniziative come questa servano a sensibilizzare sempre di più i ragazzi alla legalità e a comportamenti responsabili, perché rispettino il loro mondo e sé stessi, unici ed irripetibili.